• | A A A
  • Moody's Aa3
  • Rating BNP Paribas S&P A+

Prodotti di Borsa, BNP Paribas

Investimenti
La banca per un mondo che cambia

HOME > Temi d'investimento > Articolo

17.08.2020
Tema d’Investimento a cura diT.I.E.

ESG

La sostenibilità negli investimenti green

ESG come imperativo di cambiamento per il futuro. I mercati sanno bene l’importanza di un’accelerazione verso una maggiore sostenibilità e asset societari che rispecchino i nuovi parametri aziendali di equità e innovazione.Mai come oggi l’investitore dispone di opzioni per integrare la sostenibilità nel proprio portafoglio, con la possibilità di selezionare tematiche che perseguano specifici trend in linea con i nuovi benchmark di mercato. Prendere in considerazione le società resilienti e all’avanguardia in questo campo, potrebbe quindi ripagare con buoni ritorni in futuro.


Memory Cash Collect su: ENEL

ISIN NL0015040254
Premio 1,25 %
Barriera -
Scadenza 14.07.23
Scopri di più
Ne abbiamo parlato nell’articolo della scorsa settimana, Il valore aggiunto dell’impronta ESG, in cui vi abbiamo segnalato i prodotti studiati da Bnp Paribas che ha scelto di avvalersi del rating ESG di Vigeo Eiris al fine di offrire al mercato Italiano una gamma di prodotti con sottostanti società europee che si contraddistinguono per l’integrazione dei principi ESG nelle loro attività (Environmental) e nei processi decisionali interni (Social and Governance).

La casa di investimento francese ha selezionato le 10 best in class per ogni settore di appartenenza. Vigeo Eiris ha escluso dal ranking le società con un punteggio ESG inferiore a 50/100. L'universo investibile di riferimento è l'EuroStoxx 600.

Addentrandoci nella tematica, abbiamo messo la lente sulla trasparenza adottata dai produttori di energia europei, Enel in particolare, scelta tra le ambasciatrici italiane della sostenibilità. E’ stata reputata dalle principali società di rating operanti nel settore (RobecoSAM, Refinitiv, IGI 2019, Vigeo Eiris), tra le società di maggiore spicco per impegno sociale e ambientale in tema di rinnovabili. L’Integrated Governance Index 2019 (IGI), l’ha classificata come terza tra le 61 società esaminate in ambito di performance Esg e come terza su 67 società del campo energetico da Vigeo Eiris.

 

Francesco Starace, amministratore delegato e direttore generale di Enel, ha affermato che “la progressiva penetrazione dell’elettricità nel sistema energetico ci permetterà non solo di decarbonizzare i settori storicamente più inquinanti dell’economia, ma anche di creare valore in modi nuovi, offrendo servizi innovativi ai consumatori, attori sempre più centrali del sistema elettrico”.

 

Enel ha chiuso il secondo trimestre con risultati superiori alle attese degli analisti di Intermonte a livello di Ebitda,  che ha raggiunto i 4 miliardi di euro rispetto ai 3,9  attesi, e di utile netto, pari a 1,1 miliardo contro i 985 milioni attesi.

 

Come mostra il grafico l’andamento del titolo negli ultimi 5 anni registra una crescita continua e progressiva, fatta eccezione per il calo registrato nel primo trimestre 2020 a causa della pandemia globale. In particolare, a partire da inizio 2018 il titolo ha messo a segno una crescita esponenziale che lo ha fatto praticamente raddoppiare.

L’importanza del vettore elettrico come fattore abilitante della transizione energetica è stata peraltro tematica più volte dibattuta dal Parlamento Europeo, che ha sottolineato come l’elettrificazione avrà un ruolo chiave per l’Europa entro il 2050, data in cui la regione dovrà diventare il primo continente climate-neutral al mondo.

Bnp Paribas è sempre molto attenta al tema Esg e recentemente ha stilato una gamma di certificate ad hoc.

Un’ottima soluzione per approcciare il settore è il Memory Cash Collect, ISIN NL0015040254, con sottostante appunto l’Enel. Vediamolo nel dettaglio.


Funzionamento del certificate

Ogni trimestre l’investitore riceverà un premio se Enel non perderà oltre il 30% dal livello iniziale. Il prodotto ha una durata di tre anni e, dal quinto mese, godrà della possibilità di rimborso anticipato se il valore del sottostante, nelle date di valutazione trimestrali, sarà pari o superiore al livello iniziale. Valore nominale pari a 100 euro, effetto memoria e barriera a scadenza pari al 70% del livello iniziale.

 

Premi trimestrali

Il certificate stacca premi trimestrali dell’1,25% (5% all’anno al lordo delle imposte) se Enel non perde oltre il 30% dal livello iniziale. Se invece, alla data di valutazione, il sottostante si trova sotto al livello di barriera, l’investitore non beneficerà del premio e si rinvia alla data di pagamento successiva.

 

Effetto memoria

Il certificate gode dell’effetto memoria che permette di recuperare tutti i coupon trimestrali non distribuiti in precedenza. In particolare, se il sottostante nelle date di valutazioni precedenti si è trovato sotto il livello di barriera, il premio non sarà perso: alle date di valutazione successive, in caso di rialzo del sottostante (valore non inferiore al 30% del livello iniziale), scatta l’effetto memoria che consente di recuperare le eventuali cedole non distribuite precedentemente, oltre a quella del trimestre in corso.

 

Rimborso anticipato (a partire dal 5° mese dall’emissione)
A partire dal 14 gennaio 2021 il certificate gode della possibilità del rimborso anticipato. L’investitore riceve il capitale investito più i premi maturati e non distribuiti, qualora, nelle date di valutazione trimestrali, il valore del sottostante sia superiore o uguale al valore iniziale di 8,00 euro.

 

Rimborso a scadenza
Gli scenari a scadenza sono due: se il valore del sottostante è maggiore o uguale al 70% del livello iniziale, l’investitore riceverà il capitale investito (100 euro) a cui si somma, grazie all’effetto memoria, lo stacco di tutte le cedole trimestrali eventualmente non distribuite.

Se il valore del sottostante è inferiore al livello barriera, il certificate paga un importo commisurato alla performance negativa del sottostante. Per esempio se Enel dovesse perdere il 40% dal livello iniziale, il certificate, fra tre anni, verrebbe rimborsato a 60 euro.

 

Il sottostante nel dettaglio:

Enel è il primo titolo italiano per capitalizzazione (78,5 miliardi di euro) il consensus degli analisti raccolto da Bloomberg vede 20 consigli di acquisto sul titolo (Buy), 7 Neutral e 3 analisti con raccomandazione di vendita (Sell), con prezzo obiettivo medio a 8,26 euro.

 

I prodotti ESG consigliati saranno disponibili sulla pagina:  https://investimenti.bnpparibas.it/esg.

 


Il Certificate è soggetto ad un livello di rischio pari a 5 su una scala da 1 a 7.

La presente comunicazione non integra in alcun modo consulenza – nemmeno generica – o ricerca in materia di investimenti, non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non è soggetta ad alcun divieto che proibisca le negoziazioni prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti.

Ricordiamo, prima dell’adesione, di leggere attentamente il prospetto di base, ogni eventuale supplemento, la nota di sintesi, le condizioni definitive e il documento contenente le informazioni chiave (KID) e, in particolare, le sezioni dedicate ai fattori di rischio connessi all’investimento, ai costi e al trattamento fiscale relativi ai prodotti finanziari ivi menzionati reperibili sul sito dell’emittente: clicca qui.

Per informazioni su Intermonte SIM S.p.a., in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link

AVVERTENZA

Il produttore delle raccomandazioni di investimento originali non è BNP Paribas, né una delle altre società del gruppo BNP Paribas. Le informazioni che ai sensi del Regolamento (UE) n. 596/2014 si richiedono al produttore sono fornite da una terza parte, sotto la propria responsabilità, in un’avvertenza separata. Per ulteriori informazioni, clicca QUI

Avvertenza

Prima di adottare una decisione di investimento al fine di comprendere appieno i potenziali rischi e benefici connessi alla decisione di investire negli strumenti finanziari quivi menzionati si invita a leggere attentamente la documentazione di offerta e/o quotazione relativa agli strumenti finanziari, in particolare, le sezioni dedicate ai fattori di rischio connessi all’investimento, ai relativi costi e al trattamento fiscale, nonché il relativo documento contenente le informazioni chiave (KID), ove disponibile. Tale documentazione è disponibile sul presente sito web investimenti.bnpparibas.it e negli eventuali ulteriori eventuali luoghi indicati nella relativa documentazione di offerta e/o quotazione. L’investimento negli strumenti finanziari quivi menzionati può comportare il rischio di perdita totale o parziale del capitale inizialmente investito, fermo restando il rischio Emittente e, ove applicabile, il rischio di assoggettamento del Garante allo strumento del bail-in. Ove tali strumenti finanziari siano venduti prima della scadenza, l’investitore potrà incorrere anche in perdite in conto capitale. Nel caso in cui tali strumenti finanziari siano acquistati o venduti nel corso della loro durata, il rendimento potrà variare. Le informazioni quivi riportate hanno scopo meramente promozionale e non sono da intendersi in alcun modo come sollecitazione, offerta al pubblico o consulenza in materia di investimenti. Le informazioni e i grafici a contenuto finanziario quivi riportati sono meramente indicativi e hanno scopo esclusivamente esemplificativo e non esaustivo. I rendimenti passati non sono indicativi, né sono garanzia, dei rendimenti futuri. È responsabilità dell’investitore effettuare un’accurata analisi di tutti i profili fiscali, legali e regolamentari (inclusi i fattori di rischio, tra i quali, i fattori di rischio legati ai tassi di interesse, i fattori di rischio di default e i fattori di rischio legati all’assenza di liquidità) connessi all’investimento negli strumenti finanziari quivi menzionati. BNP Paribas e/o altra società del gruppo BNP Paribas non potranno essere considerate responsabili delle conseguenze finanziarie o di altra natura derivanti dall’investimento in tali strumenti finanziari. Eventuali raccomandazioni di investimento quivi contenute non soddisfano i requisiti di legge relativi all’indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non sono soggette ad alcun divieto di esecuzione di operazioni su strumenti finanziari prima della loro divulgazione.