• | A A A
  • Moody's Aa3
  • Rating BNP Paribas S&P A+

Prodotti di Borsa, BNP Paribas

Investimenti
La banca per un mondo che cambia

HOME > Temi d'investimento > Articolo

04.11.2020
Tema d’Investimento a cura di

Oil

Certificati: guardare alla ripresa di Saipem limando il rischio

Il mondo degli Investment Certificates italiano si allarga con una gamma di 20 nuovi Certificati Step-Down Cash Collect su azioni italiane ed estere. Emessi dallo scorso 27 ottobre da BNP Paribas sul mercato SeDeX di Borsa Italiana, questi prodotti permettono di ottenere premi incondizionati trimestrali compresi tra l’1,35% e il 4% del Valore Nominale di 100 euro.


Premi Fissi Step-Down Cash Collect su: SAIPEM

ISIN NL0015448325
Premio 2,1 %
Barriera -
Scadenza 20.10.22
Scopri di più
A caratterizzare la struttura del prodotto è l’Opzione Autocallable, che dal secondo trimestre permette al Certificato di scadere anticipatamente se il prezzo del sottostante è pari o superiore al Livello di Rimborso Anticipato. Questa Opzione beneficia di un meccanismo Step-Down: dopo il secondo trimestre che avrà un Livello di Rimborso Anticipato pari al 100% del Valore Iniziale, questo andrà a diminuire del 5% ogni tre mesi fino ad arrivare al 75% dello Strike iniziale.

Alla scadenza, fissata a seconda del sottostante al 20 ottobre 2021 o al 20 ottobre 2022, si potranno verificare due scenari:
  1. Se il prezzo del sottostante è pari o superiore al Livello Barriera (posto dal 70% all’80% del Valore Iniziale, a seconda del Certificate osservato), il prodotto rimborserà il Valore Nominale e il premio fisso del periodo;
  2. Se il prezzo del sottostante quota al di sotto del Livello Barriera, il Certificato pagherà l’ultima cedola fissa rimborsando un importo commisurato alla performance negativa del sottostante.
Di questa nuova gamma ha attirato la nostra attenzione il Certificato su Saipem con ISIN NL0015448325. Questo prodotto permette di incassare una cedola incondizionata trimestrale di 2,10 euro e presenta un Livello Barriera a 1,05 euro, al 70% del Valore Iniziale di 1,5 euro.


Azioni Saipem tra petrolio e Covid-19

Il 2020 è sicuramente un anno da dimenticare per Saipem, le cui azioni hanno toccato la scorsa settimana i livelli più bassi degli ultimi 27 anni, a 1,2710 euro. Il titolo è stato fortemente penalizzato dall’andamento del petrolio, che ha subito forti vendite a causa di una contrazione della domanda e di un incremento dell’offerta.

Se da un lato la pandemia di Covid-19 e i conseguenti lockdown hanno ridotto al minimo gli spostamenti delle persone, dall’altro la produzione della materia prima non si è mai fermata, arrivando anche a riempire la quasi totalità dei siti di stoccaggio. Lo scorso aprile, questo duplice shock ha portato le quotazioni dell’ormai ex oro nero in territorio negativo.

L’attuale seconda ondata non sembra descrivere uno scenario roseo, ma i conti del 3° trimestre 2020 di Saipem evidenziano un qualche miglioramento, specie per quanto concerne la riduzione del debito netto. Positive anche le dichiarazioni dell’Amministratore Delegato Stefano Cao, il quale ha dichiarato che il quadro sta diventando più roseo con i clienti che chiedono di “fare di più”.

Il manager ha inoltre messo in luce livelli di attività più alti nell’ultimo trimestre dell’anno. Guardando ad un orizzonte temporale più ampio, è doveroso sottolineare come la situazione pandemica è destinata a migliorare nei prossimi mesi, specie se si considera l’arrivo di un vaccino e di cure sempre più efficaci.

Il tanto atteso ritorno alla normalità dovrebbe far tornare una crescita degli spostamenti e dei consumi di petrolio, così come un ritorno agli acquisti di quelle società legate all’economia reale, fortemente penalizzate nell’ultimo periodo.

Azioni Saipem: l'analisi tecnica

Il quadro tecnico delle azioni Saipem mette in evidenza una fortissima tendenza ribassista in atto dalla seconda metà del 2012. Dopo una lunga fase laterale iniziata nel 2016 e che vedeva la sua base in zona 3 euro, i prezzi hanno accelerato la discesa riportandosi sui minimi di 1,271 euro. Questo livello è particolarmente interessante, in quanto corrisponde all’area di partenza dell’uptrend iniziato negli anni ’90.

Guardando ai segnali più recenti, il chart settimanale ha dato vita ad un pattern di Hammer rialzista corroborato da una divergenza di inversione bullish sull’RSI settato a 14 periodi. Questa duplice indicazione rafforza l’ipotesi di una ripartenza delle quotazioni nel medio periodo.



AVVERTENZA

La presente pubblicazione è stata preparata da ELP SA (l’Editore), con sede legale in Corso San Gottardo 34, 6830 Chiasso, Switzerland, in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell'Editore. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’Editore; tuttavia, l’Editore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, le presunzioni di calcolo, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l'Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall'utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione. Per informazioni su ELP SA, in qualità di produttore delle analisi, sulla presentazione degli studi di mercato e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.

AVVERTENZA

Il produttore delle raccomandazioni di investimento originali non è BNP Paribas, né una delle altre società del gruppo BNP Paribas. Le informazioni che ai sensi del Regolamento (UE) n. 596/2014 si richiedono al produttore sono fornite da una terza parte, sotto la propria responsabilità, in un’avvertenza separata. Per ulteriori informazioni, clicca QUI

Avvertenza

Prima di adottare una decisione di investimento al fine di comprendere appieno i potenziali rischi e benefici connessi alla decisione di investire negli strumenti finanziari quivi menzionati si invita a leggere attentamente la documentazione di offerta e/o quotazione relativa agli strumenti finanziari, in particolare, le sezioni dedicate ai fattori di rischio connessi all’investimento, ai relativi costi e al trattamento fiscale, nonché il relativo documento contenente le informazioni chiave (KID), ove disponibile. Tale documentazione è disponibile sul presente sito web investimenti.bnpparibas.it e negli eventuali ulteriori eventuali luoghi indicati nella relativa documentazione di offerta e/o quotazione. L’investimento negli strumenti finanziari quivi menzionati può comportare il rischio di perdita totale o parziale del capitale inizialmente investito, fermo restando il rischio Emittente e, ove applicabile, il rischio di assoggettamento del Garante allo strumento del bail-in. Ove tali strumenti finanziari siano venduti prima della scadenza, l’investitore potrà incorrere anche in perdite in conto capitale. Nel caso in cui tali strumenti finanziari siano acquistati o venduti nel corso della loro durata, il rendimento potrà variare. Le informazioni quivi riportate hanno scopo meramente promozionale e non sono da intendersi in alcun modo come sollecitazione, offerta al pubblico o consulenza in materia di investimenti. Le informazioni e i grafici a contenuto finanziario quivi riportati sono meramente indicativi e hanno scopo esclusivamente esemplificativo e non esaustivo. I rendimenti passati non sono indicativi, né sono garanzia, dei rendimenti futuri. È responsabilità dell’investitore effettuare un’accurata analisi di tutti i profili fiscali, legali e regolamentari (inclusi i fattori di rischio, tra i quali, i fattori di rischio legati ai tassi di interesse, i fattori di rischio di default e i fattori di rischio legati all’assenza di liquidità) connessi all’investimento negli strumenti finanziari quivi menzionati. BNP Paribas e/o altra società del gruppo BNP Paribas non potranno essere considerate responsabili delle conseguenze finanziarie o di altra natura derivanti dall’investimento in tali strumenti finanziari. Eventuali raccomandazioni di investimento quivi contenute non soddisfano i requisiti di legge relativi all’indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non sono soggette ad alcun divieto di esecuzione di operazioni su strumenti finanziari prima della loro divulgazione.