• | A A A
  • Moody's Aa3
  • Rating BNP Paribas S&P A+

Prodotti di Borsa, BNP Paribas

Investimenti
La banca per un mondo che cambia

HOME > Temi d'investimento > Articolo

21.12.2020
Tema d’Investimento a cura di

Lusso

Sfruttare le nuove tendenze investendo nel lusso

Dopo l'iniziale impatto dovuto al Coronavirus le società del lusso si devono adattare al cambiamento accelerato dalla pandemia. Vediamo perché e come investirci


Premi Fissi Step-Down Cash Collect su worst of: KERING, LVMH, MONCLER

ISIN NLBNPIT10NO6
Premio 1,75 %
Barriera 70 %
Scadenza 30.11.22
Scopri di più

BNP Paribas si appresta a chiudere l’anno con una nuova gamma di otto nuovi Certificati Step-Down Cash Collect su basket tematici di azioni italiane ed europee. I prodotti in oggetto sono quotati sul mercato SeDeX di Borsa Italiana e permettono all’investitore di ottenere premi incondizionati trimestrali che a seconda del paniere sottostante vanno dall’1,7% al 2,9%.

La peculiarità di questo Certificate arriva dalla costruzione dell’Opzione Autocallable, che presenta un meccanismo Step-Down. Nel secondo trimestre di vita dello strumento il prezzo di tutti i sottostanti deve trovarsi ad un valore pari o superiore a quello dello Strike Iniziale.

A partire dalla data di valutazione per la scadenza anticipata successiva, il Livello Autocallable scenderà del 5% fino ad arrivare al 75% del Valore Iniziale. Con il passare del tempo quindi aumenteranno le probabilità che il prodotto venga estinto prima della scadenza prevista per il 30 novembre 2022.

A scadenza si potranno verificare due scenari:

1. Se il prezzo del peggiore dei sottostanti è pari o superiore alla Barriera (posta al 70% del Valore Iniziale), il prodotto rimborserà il Valore Nominale e il premio fisso del periodo;

2. Se il prezzo del Worst of quota al di sotto del Livello Barriera, il Certificato pagherà l’ultima cedola fissa rimborsando un importo commisurato alla performance negativa del sottostante.

 

Di questa emissione ha catalizzato il nostro interesse il Certificate con ISIN NLBNPIT10NO6 e sottostante un paniere composto da Kering, LVMH e Moncler. Lo strumento offre cedole incondizionate trimestrali di 1,70 euro. Questi i livelli da monitorare per tutti i sottostanti:

• Kering: Valore Iniziale, Strike Price e 1° Livello Autocallable a 575 euro; 2° Livello Autocallable a 546,25 euro; 3° Livello Autocallable a 517,5 euro; 4° Livello Autocallable a 488,75 euro; 5° Livello Autocallable a 460 euro; 6° Livello Autocallable a 431,25 euro; Barriera a 402,5 euro.

• LVMH: Valore Iniziale, Strike Price e 1° Livello Autocallable a 505 euro; 2° Livello Autocallable a 479,75 euro; 3° Livello Autocallable a 454,5 euro; 4° Livello Autocallable a 429,25 euro; 5° Livello Autocallable a 404 euro; 6° Livello Autocallable a 378,75 euro; Barriera a 353,5 euro.

• Moncler: Valore Iniziale, Strike Price e 1° Livello Autocallable a 47 euro; 2° Livello Autocallable a 44,65 euro; 3° Livello Autocallable a 42,3 euro; 4° Livello Autocallable a 39,95 euro; 5° Livello Autocallable a 37,6 euro; 6° Livello Autocallable a 35,25 euro; Barriera a 32,9 euro.

 

Settore del lusso: un’opportunità anche nell’era post-Covid

Il settore del lusso ha assistito ad una contrazione decisa a causa del Coronavirus, visto che molti negozi sono rimasti chiusi per diverso tempo a causa del lockdown messi a punto per tentare di arginare il contagio.

In un recente report della piattaforma TMall di Alibaba e Bain ha messo in luce come anche con la pandemia il settore sia atteso in crescita del 48% in Cina nel 2020, con un valore di 52,9 miliardi di dollari.

Tuttavia la spesa è stata sostenuta da quei cinesi che normalmente acquistavano molti prodotti di lusso nei loro viaggi fuori dall’ex Impero Celeste: la spesa totale di questi consumatori è comunque scesa del 35% in totale.

Ciò ha un chiaro impatto sul settore a livello globale, che lo studio stima aggirarsi in una contrazione del 23%. A spingere la spesa degli abitanti del colosso asiatico sono stati principalmente due elementi: gli incentivi governativi e il fenomeno di revenge spending per cui molte persone, dopo essere state chiuse forzatamente in casa si “vendicano” incrementando il ritmo di spesa dei beni voluttuari.

In cinque anni, gli analisti stimano che quello cinese diventerà il più grande mercato del lusso al mondo. Se da un lato il fenomeno del revenge spending potrebbe presentarsi anche nel resto del mondo una volta che il vaccino anti-Covid permetterà di tornare alla normalità, è da evidenziare come alcune abitudini dei consumatori siano profondamente cambiate, in primis quelle relative alle modalità in cui si effettua lo shopping che si trasferirà sempre più online.

Le società del lusso sono comunque pronte al cambiamento. Al meeting 4th Reinventing Luxury: Strategic Conversations, che ha riunito i principali brand del mondo, è emerso come il mercato debba per forza di cose adattarsi ad un mondo nuovo.

Tra i vari punti emersi all’evento, che vanno dall’importanza dell’e-commerce alla crescente dipendenza dalla Cina, uno dei più interessanti è quello relativo alla creazione di un aspetto propositivo delle grandi marche.

Ciò significa che le aziende devono dimostrare il loro impatto positivo sulla società, spiegando anche il loro impatto ambientale, i loro valori e la loro mission. Questo è particolarmente importante se si pensa alla crescente sensibilità dei Millennials e della Generazione Z in temi come la tutela dell’ambiente e dei diritti umani.

La fascia d’età che va dai 18 ai 37 anni va tenuta in ampia considerazione, specie se si pensa che una ricerca di YPulse di inizio anno aveva identificato un potere di spesa di queste persone di 2.500 miliardi di dollari nel solo 2020.

Nei prossimi anni, il lusso beneficerà in particolar modo dell’ascesa della Gen Z, che secondo Bank of America arriverà a guadagnare 3.300 miliardi di dollari entro il 2030, un quarto dei redditi mondiali. Nel 2031 il potere di spesa di questa fascia di popolazione supererà anche quello dei Millennials.

Analisi tecnica

Guardiamo ora ai sottostanti del paniere da un punto di vista grafico. Le azioni Kering mostrano una grande forza, con i prezzi che dopo aver segnato un nuovo top storico a 628,2 euro durante lo scorso novembre hanno iniziato una correzione.

L’uptrend si dimostra solido anche nel lungo periodo e un superamento dei 636 euro verrebbe considerato positivamente per una sua prosecuzione in quanto verrebbe violata la linea di tendenza ottenuta collegando i top del 2019 e quelli di novembre 2020.

Al contrario sarebbe negativa una discesa sotto i 500 euro. La cosa più interessante da evidenziare è il punto dove è posizionata la Barriera, a 402,5 euro. Questo livello si trova poco al di sopra del fondamentale supporto a 370,9 euro, espresso dai minimi di dicembre 2017 e che ha resistito agli attacchi dei venditori anche durante il crollo di fine febbraio e inizio marzo 2020.

Per le azioni LVMH non c’è molto da dire. Il titolo è infatti inserito in un fortissimo trend rialzista che questa settimana ha permesso ai prezzi di aggiornare i massimi storici, al momento posti a 503,6 euro. La tendenza

in atto verrebbe invalidata solo con una discesa al di sotto dei minimi a 280 euro, in quanto terminerebbe la serie di lows crescenti in atto da metà 2016.

Nuovi massimi storici anche per le azioni Moncler, che questa settimana hanno toccato i 49,24 euro. I corsi hanno fornito un segnale rialzista molto importante, effettuando la rottura della resistenza a 42,55 euro.

La violazione di tale ostacolo apre le porte a una continuazione degli acquisti, con i compratori che potrebbero aver iniziato la seconda gamba dell’uptrend cominciato nel 2016. Un segnale particolarmente negativo si avrebbe in caso di discesa al di sotto dei 26 euro.

 

 

AVVERTENZA

La presente pubblicazione è stata preparata da ELP SA (l’Editore), con sede legale in Corso San Gottardo 34, 6830 Chiasso, Switzerland, in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell'Editore. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’Editore; tuttavia, l’Editore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, le presunzioni di calcolo, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l'Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall'utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione. Per informazioni su ELP SA, in qualità di produttore delle analisi, sulla presentazione degli studi di mercato e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.

AVVERTENZA

Il produttore delle raccomandazioni di investimento originali non è BNP Paribas, né una delle altre società del gruppo BNP Paribas. Le informazioni che ai sensi del Regolamento (UE) n. 596/2014 si richiedono al produttore sono fornite da una terza parte, sotto la propria responsabilità, in un’avvertenza separata. Per ulteriori informazioni, clicca QUI

Avvertenza

Prima di adottare una decisione di investimento al fine di comprendere appieno i potenziali rischi e benefici connessi alla decisione di investire negli strumenti finanziari quivi menzionati si invita a leggere attentamente la documentazione di offerta e/o quotazione relativa agli strumenti finanziari, in particolare, le sezioni dedicate ai fattori di rischio connessi all’investimento, ai relativi costi e al trattamento fiscale, nonché il relativo documento contenente le informazioni chiave (KID), ove disponibile. Tale documentazione è disponibile sul presente sito web investimenti.bnpparibas.it e negli eventuali ulteriori eventuali luoghi indicati nella relativa documentazione di offerta e/o quotazione. L’investimento negli strumenti finanziari quivi menzionati può comportare il rischio di perdita totale o parziale del capitale inizialmente investito, fermo restando il rischio Emittente e, ove applicabile, il rischio di assoggettamento del Garante allo strumento del bail-in. Ove tali strumenti finanziari siano venduti prima della scadenza, l’investitore potrà incorrere anche in perdite in conto capitale. Nel caso in cui tali strumenti finanziari siano acquistati o venduti nel corso della loro durata, il rendimento potrà variare. Le informazioni quivi riportate hanno scopo meramente promozionale e non sono da intendersi in alcun modo come sollecitazione, offerta al pubblico o consulenza in materia di investimenti. Le informazioni e i grafici a contenuto finanziario quivi riportati sono meramente indicativi e hanno scopo esclusivamente esemplificativo e non esaustivo. I rendimenti passati non sono indicativi, né sono garanzia, dei rendimenti futuri. È responsabilità dell’investitore effettuare un’accurata analisi di tutti i profili fiscali, legali e regolamentari (inclusi i fattori di rischio, tra i quali, i fattori di rischio legati ai tassi di interesse, i fattori di rischio di default e i fattori di rischio legati all’assenza di liquidità) connessi all’investimento negli strumenti finanziari quivi menzionati. BNP Paribas e/o altra società del gruppo BNP Paribas non potranno essere considerate responsabili delle conseguenze finanziarie o di altra natura derivanti dall’investimento in tali strumenti finanziari. Eventuali raccomandazioni di investimento quivi contenute non soddisfano i requisiti di legge relativi all’indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non sono soggette ad alcun divieto di esecuzione di operazioni su strumenti finanziari prima della loro divulgazione.