• | A A A
  • Moody's Aa3
  • Rating BNP Paribas S&P A+

Prodotti di Borsa, BNP Paribas

Investimenti
La banca per un mondo che cambia

HOME > Temi d'investimento > Articolo

18.03.2021
Tema d’Investimento a cura di

Renewable Energy

Come immettere energia nei portafogli di investimento

Nonostante non manchino le sfide, il comparto Energy & Utilities rappresenta uno dei più promettenti per gli investitori. Vediamo perché.


Maxi Cash Collect su worst of: ENEL, EDF, Repsol

ISIN NLBNPIT11LG4
Premio 15 %
Barriera 60 %
Scadenza 26.02.24
Scopri di più

Da sempre sinonimo di stabilità, il settore delle utilities non solo potrebbe essere uno dei pochi a non essere minacciato da rischi strutturali di rilievo ma sembrerebbe addirittura in grado di trarre beneficio dall’evoluzione secolare.

Poco soggetto all’andamento delle fluttuazioni del ciclo economico, quello delle utilities è un comparto destinato a beneficiare dei cambiamenti a cui abbiamo assistito negli ultimi anni come l’impetuoso incremento della popolazione e della conseguente domanda di energia, l’arrivo di nuove fonti di approvvigionamento e l’avanzata impetuosa delle fonti rinnovabili.

Energy & Utilities: il contesto attuale

Dopo un 2019 di decisa crescita ed un 2020 che, per forza di cose, si è trovato a fare i conti con la pandemia, il 2021 dovrebbe essere l’anno in cui assisteremo ad un progressivo ritorno alla normalità destinato a consolidarsi l’anno prossimo.

Per il settore delle aziende energetiche e di pubblica utilità l’emergenza sanitaria ha rappresentato un acceleratore di tendenze già in atto: il comparto non si è lasciato scappare l’opportunità di accentuare il processo di digitalizzazione e il progressivo passaggio al settore delle rinnovabili.

Cosa ci aspetta?

Alla luce di un contesto in continuo cambiamento, lo scenario che le aziende Energy & Utilities si troveranno a fronteggiare nei prossimi anni sarà per forza di cose profondamente differente rispetto a quello a cui siamo abituati a pensare.

A lungo considerato a sé stante, oggi il settore dell’energia è sempre più interconnesso con gli altri: questo se da un lato offre importanti opportunità, dall’altro implica che, da altri settori, sono in arrivo nuovi potenziali incumbent (giusto per fare due nomi, Tesla nel settore elettrico, Amazon in quello delle rinnovabili).

Ma, come già rilevato, le opportunità derivanti sia da elementi di carattere strutturale (come appunto l’aumento della popolazione e dei consumi) e sia da fattori più legati all’evoluzione della domanda (come l’inevitabile avanzata della mobilità elettrica) fanno sì che le aziende facenti parte del settore Energy & Utilities possano guardare con fiducia ai prossimi anni.

Come investire su questo comparto?

A lungo percepito come un settore difensivo, in grado di fornire dividendi interessanti a fronte di una crescita degli utili modesta, il settore delle aziende Energy & Utilities sembrerebbe ben posizionato per beneficiare delle opportunità emerse negli ultimi anni e che emergeranno nel medio termine.

Per ottenere un’esposizione a questo comparto, gli investitori possono optare per il nuovo Maxi Cash Collect emesso da BNP Paribas con sottostanti tre colossi del calibro di EDF (Electicite de France), Enel e Repsol.

Il prodotto, che presenta codice ISIN NLBNPIT11LG4, permette di incassare un maxi premio del 15% alla fine del terzo mese di vita del Certificate (data di valutazione il 19 maggio 2021) e premi trimestrali dell’1% a partire dal sesto mese.

Sia il maxi premio iniziale che i premi trimestrali saranno corrisposti anche nel caso di andamento negativo delle azioni che compongono il paniere: la condizione da soddisfare per ricevere i premi è rappresentata dal fatto che l’azione con la performance peggiore all’interno del paniere sia pari o superiore al livello Barriera.

Per tutti e tre i titoli, il livello barriera è fissato al 60% del valore iniziale: nel caso di Electicite de France il livello barriera è a 5,8836 €, la barriera di Enel è a 4,5756 € e quella di Repsol a 6,516 €).

Nel caso in cui il premio trimestrale non venisse corrisposto, a disposizione dell’investitore c’è l’Effetto Memoria: tramite questo meccanismo i premi eventualmente non distribuiti potranno essere pagati se, in una delle successive date di osservazione, la condizione del pagamento sarà soddisfatta.

A partire dal sesto mese, questi Certificati prevedono il rimborso anticipato se, nelle date di osservazione mensili, il valore dell’azione con la performance peggiore risulterà pari o superiore al valore iniziale.

Il livello iniziale di Electicite de France è a 9,806 €, quello di Enel a 7,626 € e quello di Repsol a 10,86 €.

A scadenza, fissata per il 26 febbraio 2024, sono due gli scenari possibili per gli investitori:

  • se il valore dei tre sottostanti risulterà pari o superiore al livello barriera, il Certificate rimborserà il valore nominale più il premio trimestrale e gli eventuali premi non pagati precedentemente (c.d. Effetto Memoria);
  • se il valore di almeno una delle azioni sottostanti sarà inferiore al livello barriera, il Certificate pagherà un importo commisurato alla performance del titolo peggiore (con conseguente perdita sul capitale investito).

Questo prodotto è quotato sul mercato SeDeX di Borsa Italiana e negoziabile nei giorni di Borsa aperta dalle 9:05 alle 17:30. La liquidità è garantita dalla costante presenza del market maker.

AVVERTENZA
La presente pubblicazione è stata preparata da Money.it srl a socio unico (l’Editore), con sede legale in Via di Vigna Fabbri, 5, 00179, Roma, in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’Editore; tuttavia, l’Editore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, le presunzioni di calcolo, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione.

Per informazioni su Money.it srl a socio unico, in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di
cliccare su questo link.

AVVERTENZA

Il produttore delle raccomandazioni di investimento originali non è BNP Paribas, né una delle altre società del gruppo BNP Paribas. Le informazioni che ai sensi del Regolamento (UE) n. 596/2014 si richiedono al produttore sono fornite da una terza parte, sotto la propria responsabilità, in un’avvertenza separata. Per ulteriori informazioni, clicca QUI

Avvertenza

Prima di adottare una decisione di investimento al fine di comprendere appieno i potenziali rischi e benefici connessi alla decisione di investire negli strumenti finanziari quivi menzionati si invita a leggere attentamente la documentazione di offerta e/o quotazione relativa agli strumenti finanziari, in particolare, le sezioni dedicate ai fattori di rischio connessi all’investimento, ai relativi costi e al trattamento fiscale, nonché il relativo documento contenente le informazioni chiave (KID), ove disponibile. Tale documentazione è disponibile sul presente sito web investimenti.bnpparibas.it e negli eventuali ulteriori eventuali luoghi indicati nella relativa documentazione di offerta e/o quotazione. L’investimento negli strumenti finanziari quivi menzionati può comportare il rischio di perdita totale o parziale del capitale inizialmente investito, fermo restando il rischio Emittente e, ove applicabile, il rischio di assoggettamento del Garante allo strumento del bail-in. Ove tali strumenti finanziari siano venduti prima della scadenza, l’investitore potrà incorrere anche in perdite in conto capitale. Nel caso in cui tali strumenti finanziari siano acquistati o venduti nel corso della loro durata, il rendimento potrà variare. Le informazioni quivi riportate hanno scopo meramente promozionale e non sono da intendersi in alcun modo come sollecitazione, offerta al pubblico o consulenza in materia di investimenti. Le informazioni e i grafici a contenuto finanziario quivi riportati sono meramente indicativi e hanno scopo esclusivamente esemplificativo e non esaustivo. I rendimenti passati non sono indicativi, né sono garanzia, dei rendimenti futuri. È responsabilità dell’investitore effettuare un’accurata analisi di tutti i profili fiscali, legali e regolamentari (inclusi i fattori di rischio, tra i quali, i fattori di rischio legati ai tassi di interesse, i fattori di rischio di default e i fattori di rischio legati all’assenza di liquidità) connessi all’investimento negli strumenti finanziari quivi menzionati. BNP Paribas e/o altra società del gruppo BNP Paribas non potranno essere considerate responsabili delle conseguenze finanziarie o di altra natura derivanti dall’investimento in tali strumenti finanziari. Eventuali raccomandazioni di investimento quivi contenute non soddisfano i requisiti di legge relativi all’indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non sono soggette ad alcun divieto di esecuzione di operazioni su strumenti finanziari prima della loro divulgazione.

Scopri l’anteprima! Nuova sezione. Tempo Reale
Scopri l’anteprima!
Nuova sezione
Tempo Reale