Non delude la nuova emissione del Tesoro che a sorpresa ha voluto sfruttare il momento positivo sul mercato (ieri il tasso del Btp a 10 anni era sceso al livello più basso dal maggio 2018) per piazzare nuovi titoli a lunga scadenza. Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha così proceduto all’emissione sindacata della prima tranche del nuovo BTP a 20 anni. Il titolo ha scadenza 1° marzo 2040, godimento 1° marzo 2019 e tasso annuo 3,1%, pagato in due cedole semestrali. Il regolamento dell’operazione è fissato per il 19 giugno. L’importo emesso è stato pari a 6 miliardi di euro. Il titolo è stato collocato al prezzo di 99,623 corrispondente ad un rendimento lordo annuo all’emissione del 3,149%. Il collocamento è stato effettuato mediante sindacato, costituito da cinque lead manager, Monte dei Paschi di Siena Capital Services Banca per le Imprese S.p.A, Morgan Stanley & Co Int. PLC, NatWest Markets PLC, Nomura Int e Société Générale Inv. Banking e dai restanti Specialisti in titoli di Stato italiani in qualità di co-lead manager. Secondo quanto anticipato dall’agenzia Reuters il nuovo Btp a 20 anni avrebbe registrato una domanda di ben circa 24 miliardi. Entità e composizione della domanda saranno resi noti successivamente dal Mef.

Fonte: Finanza.com

ViadeoViadeoLinkedInLinkedIn