Focus sull’inflazione dell’Eurozona

20/10/2021 · PRODOTTO DA ELP SA

Le quotazioni dei principali indici di Borsa a livello globale continuano a mostrare segnali di positività, spinti dai risultati positivi che stanno mostrando i conti del terzo trimestre 2021 delle aziende statunitensi. Secondo le misurazioni di Factset, circa l’81% delle aziende che compongono l’S&P 500 e che hanno pubblicato i risultati hanno battuto le attese degli analisti per quanto riguarda gli utili per azione. Sul fronte degli istituti centrali, è da segnalare come il Presidente della Banca di Francia, François Villeroy de Galhau, ha dichiarato che i tassi di interesse dell’Eurotower non cresceranno fino alla conclusione del 2022. Per l’esponente della BCE, l’inflazione tornerà al di sotto del 2% entro fine 2022. Proprio su questo punto, oggi sarà da monitorare il dato sull’inflazione dell’Eurozona di settembre. Le parole di Villeroy non trovano d’accordo Olli Rehn e Bostjan Vasle, rispettivamente Governatore della Banca di Finlandia e di quella slovena, i quali sostengono che vi è il pericolo che il rialzo dell’inflazione sia temporaneo e che si debba quindi agire chiudendo il programma di PEPP entro marzo 2022. Intanto il Fondo Monetario Internazionale ha abbassato le stime di crescita sull’Asia dal 7,6% al 6,5%. A gravare sulle previsioni è ancora la variante Delta di Covid-19, che continua a pesare sulla Regione, la quale resta comunque quella su cui le aspettative di crescita sono più elevate. Lato materie prime, è da mettere in luce la crescita del petrolio WTI, che ha aggiornato i massimi da ottobre 2014 spinto dagli aumenti di produzione particolarmente contenuti da parte dell’OPEC+ e dalla carenza di gas naturale.

I MARKET MOVER

FOCUS SULL'INFLAZIONE DELL'EUROZONA

Nella giornata odierna gli operatori dei mercati finanziari saranno concentrati prevalentemente sull’Eurozona e Stati Uniti. Questa mattina verrà pubblicato il dato dell’indice dei prezzi al consumo dell’Eurozona relativo a settembre (finale). Nel pomeriggio e in serata l’attenzione degli investitori si sposterà oltreoceano. Nel pomeriggio si attendono i dati EIA sulle scorte e la produzione di greggio. In serata sono invece attesi il discorso di Randal K. Quarles (Federal Reserve) sull’outlook economico e la pubblicazione del Beige Book.

DATO PAESE ATTESE ORARIO
INFLAZIONE EUR 3,3% 11:00
SCORTE E
PRODUZIONE DI
GREGGIO

USA

2,233M 16:30
BEIGE BOOK

USA

- 20:00

AVVERTENZA

La presente pubblicazione è stata preparata da ELP SA (l’Editore), con sede legale in Corso San Gottardo 34, 6830 Chiasso (CH), in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’Editore; tuttavia, l’Editore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, le presunzioni di calcolo, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione.

Per informazioni su ELP SA, in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.