BCE fiduciosa su target inflazione

21/10/2021 · PRODOTTO DA ELP SA

Le quotazioni dei principali indici di Borsa a livello globale continuano a mostrare una certa positività. Lato Banche centrali, sono da segnalare le dimissioni di Jens Weidmann, Presidente della Bundesbank e uno dei componenti più favorevoli all’implementazione di una politica monetaria restrittiva. Weidmann lascerà ufficialmente il prossimo 31 dicembre 2021 e, nella nota dove ha annunciato la sua decisione, ha dichiarato che la Banca centrale europea non dovrebbe perdere di vista l’aumento dei prezzi al consumo. Secondo il Governatore della Banca Nazionale Austriaca, Robert Holzmann, l’Eurotower è fiduciosa di raggiungere il target simmetrico sull’inflazione al 2% nel medio termine a dispetto dei rialzi dell’indice dei prezzi al consumo. Per quanto concerne la Bank of England invece, i trader ritengono probabile che il costo del denaro verrà alzato allo 0,5% entro febbraio 2022. Nel frattempo, l’esponente della Federal Reserve Christopher Waller, ha dichiarato che l’istituto centrale americano dovrà adottare provvedimenti più restrittivi se l’inflazione statunitense dovesse rimanere elevata nei prossimi mesi invece di assestarsi. Rimanendo in territorio statunitense, è da evidenziare come il Presidente Joe Biden abbia incontrato dei rappresentanti del fronte democratico, sostenendo che un accordo con i repubblicani sul pacchetto di spesa pubblica possa essere raggiunto con un programma compreso tra gli 1.750 e i 1.900 miliardi di dollari, ben inferiore rispetto ai 3.500 miliardi inizialmente stimati. Secondo la stampa internazionale, un accordo potrebbe essere raggiunto già in questa settimana

I MARKET MOVER

FOCUS SU FIDUCIA CONSUMATORI EUROZONA

Nella giornata odierna gli operatori dei mercati finanziari saranno prevalentemente concentrati oltreoceano per la pubblicazione di alcuni dati macroeconomici di rilievo per gli Stati Uniti. Dal primo pomeriggio si attendono infatti i dati delle nuove richieste di sussidi alla disoccupazione, l’indice manifatturiero elaborato dalla Fed di Philadelphia (ottobre) e le vendite di case esistenti (settembre). Nel pomeriggio verrà inoltre pubblicato il dato della fiducia dei consumatori dell’Eurozona (ottobre anticipato).

DATO PAESE ATTESE ORARIO

NUOVE RICHIESTE SUSSIDI

USA - 14:30
INDICE FED PHILADELPHIA

USA

24 14:30
VENDITE CASE

USA

2,3% 16:00
FIDUCIA CONSUMATORI

EUR

-5 16:00

AVVERTENZA

La presente pubblicazione è stata preparata da ELP SA (l’Editore), con sede legale in Corso San Gottardo 34, 6830 Chiasso (CH), in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’Editore; tuttavia, l’Editore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, le presunzioni di calcolo, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione.

Per informazioni su ELP SA, in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.