Wall Street: sale l’attesa per il PIL USA

Gli indici di Borsa a livello globale sono riusciti a riassorbire parte dei ribassi messi a segno nella seduta del 28 settembre 2021.

30/09/2021 · PRODOTTO DA ELP SA

Gli indici di Borsa a livello globale sono riusciti a riassorbire parte dei ribassi messi a segno nella seduta del 28 settembre 2021. Sul fronte della lotta al Covid-19, è da segnalare come delle indiscrezioni di stampa abbiano evidenziato come le autorità sanitarie statunitensi potrebbero aspettare fino a novembre per dare il via libera al vaccino Pfizer per le persone comprese dai 5 agli 11 anni. Sul fronte economico, è da mettere in luce come gli analisti di Goldman Sachs abbiano tagliato le stime di crescita sulla Cina a zero per il terzo trimestre 2021. Diversi esperti hanno abbassato le stime di crescita anche per quanto riguarda gli Stati Uniti. Secondo IHS Markit infatti, il PIL statunitense crescerà del 3,6% annualizzato nel terzo trimestre dell’anno. Questa previsione è meno della metà del 7,8% stimato a luglio. Per oggi è attesa la pubblicazione del Prodotto Interno Lordo degli USA (terza lettura). Oltre a questo i democratici al Congresso stanno cercando un modo per alzare il tetto sul debito in modo tale da evitare un default che potrebbe arrivare in meno di tre settimane. In questo quadro, il fronte repubblicano non è tuttavia favorevole a questo tipo di misura. Lato materie prime, è da segnalare come vi siano delle preoccupazioni tra gli analisti di Morgan Stanley in merito al rialzo del petrolio Brent oltre gli 80 dollari al barile. Per gli esperti il rialzo delle quotazioni della materia prima, unito alle previsioni di una riduzione delle scorte, porterà ad una situazione in cui l’inflazione aumenterà. L’aumento dell’indice dei prezzi al consumo avrebbe quindi la possibilità di “distruggere la domanda” rallentando il recupero dell’economia.

I MARKET MOVER

FOCUS SUI DATI MACRO USA

Nella giornata odierna gli operatori dei mercati finanziari saranno concentrati su alcuni dati macroeconomici importanti riguardati l’Italia, la Germania e gli Stati Uniti. Durante la mattinata gli investitori monitoreranno i dati sull’inflazione armonizzata UE (dato preliminare di settembre) per il Belpaese e la Germania. Nel primo pomeriggio il focus passerà oltreoceano per i dati macro USA. Per gli Stati Uniti si attendono infatti i dati sulle nuove richieste di sussidi di disoccupazione, il PIL annualizzato (2Q T) e il PMI di Chicago di settembre.

DATO PAESE ATTESE ORARIO
INFLAZIONE ARMONIZZATA UE

ITA

2,9% 11:00
INFLAZIONE ARMONIZZATA UE

GER

3,9% 14:00
NUOVE RICHIESTE SUSSIDI

USA

335k 14:30
PIL

USA

6,7% 14:30
PMI CHICAGO

USA

65,2 15:45

AVVERTENZA

La presente pubblicazione è stata preparata da ELP SA (l’Editore), con sede legale in Corso San Gottardo 34, 6830 Chiasso (CH), in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’Editore; tuttavia, l’Editore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, le presunzioni di calcolo, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione.

Per informazioni su ELP SA, in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.