Rally materie prime e delusione lavoro Usa

12/10/2021 · Prodotto da T-Mediahouse

I principali indici di Borsa a livello globale sono riusciti a rialzare la testa alla fine della scorsa settimana dopo le vendite dei giorni precedenti. I ribassi hanno colpito soprattutto i titoli tecnologici, penalizzati dai rialzi dei rendimenti dei titoli di Stato e da quelli delle materie prime con i forti acquisti sul petrolio. Il Wti ha infatti toccato i massimi da 7 anni spinto dal meeting dell’Opec+, che ha deciso di non incrementare la produzione anche a dispetto delle richieste di Washington. Anche le quotazioni del gas europeo sono salite del 60% in soli due giorni per poi arrestarsi dopo che il Presidente russo, Vladimir Putin, ha affermato che Mosca è pronta a stabilizzare il mercato energetico globale. La crescita delle quotazioni delle materie prime potrebbe far crescere l’inflazione, rallentando la ripresa economica delle principali economie del mondo. Delusione per il secondo mese consecutivo dai non farm payroll che hanno segnalato la debolezza del recupero del mercato del lavoro Usa. Numeri che gli esperti ritengono improbabile spingeranno la Fed a rinviare l’annuncio del tapering il prossimo mese, smorzando però le pressioni per aumentare i tassi di interesse nel breve termine. Dall’altra parte, a risollevare il sentiment degli operatori ha contribuito l’intesa raggiunta al Senato Usa per alzare temporaneamente il tetto del debito federale fino a dicembre, superando lo stallo prolungato che negli ultimi giorni ha innervosito i mercati e scongiurando per il momento il rischio default che sarebbe arrivato in circa 10 giorni. Questa settimana l’attenzione sarà incentrata su alcuni importanti dati macro che giungeranno soprattutto dagli Stati Uniti e sul continuo flusso di informazioni atteso dai discorsi di diversi membri Fed e Bce e dai verbali dell’ultima riunione del Fomc. L’inflazione di settembre sarà il dato da monitorare con particolare attenzione. Infine, al via la stagione delle trimestrali negli Usa, con le Big del settore finanziario che pubblicheranno i conti del terzo trimestre.

DUE SETTIMANE DI MERCATO

Valori aggiornati alle 17:35 del 08/10/2021

 

AVVERTENZA
La presente pubblicazione è stata preparata da T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l. (l’Editore), con sede legale in Viale Sarca, 336 (edificio sedici), 20126, Milano, in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’Editore tuttavia, l’Editore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, le presunzioni di calcolo, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione. Per informazioni su T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l., in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.

AVVERTENZA

Il produttore delle raccomandazioni di investimento originali non è BNP Paribas, né una delle altre società del gruppo BNP Paribas. Le informazioni che ai sensi del Regolamento (UE) n. 596/2014 si richiedono al produttore sono fornite da una terza parte, sotto la propria responsabilità, in un’avvertenza separata. Per ulteriori informazioni, clicca QUI