Deludenti gli ultimi dati sul lavoro Usa

10/05/2021 · Prodotto da T-Mediahouse

I principali listini internazionali hanno iniziato il mese di maggio con il piede giusto anche se non sono mancati alcuni passi falsi. Come spesso accade l’Europa si è mossa meno veloce di Wall Street, dove il Dow Jones ha raggiungo su un nuovo massimo storico la scorsa settimana. Sui mercati prevalgono le speranze di una ripresa economica vigorosa anche se l’ultimo rapporto mensile di aprile sul mercato del lavoro americano ha fatto sorgere agli operatori alcuni dubbi. A dispetto dell’outlook degli analisti, pari alla creazione di 1 milione di nuovi posti di lavoro nel mese di aprile, l’economia americana ha sfornato soltanto 266.000 nuove posizioni nei settori non agricoli (le cosiddette non-farm payrolls). E il tasso di disoccupazione, che era atteso scendere dal 6% di marzo al 5,8%, è aumentato al 6,1%. Raramente si è assistito a uno scollamento tanto profondo tra le stime degli economisti e la realtà delle cose, soprattutto nel caso dell’occupazione-disoccupazione Usa.

Un vero e proprio shock per l’America, soprattutto per i mercati che stavano scommettendo sulla ripresa turbo che l’economia avrebbe messo a segno, grazie alle vaccinazioni, che negli States procedono a ritmo spedito (fino a più di 2 milioni di persone vaccinate al giorno). Il dato sul mercato del lavoro Usa potrebbe inoltre influenzare la politica monetaria della Federal Reserve che nell’ultima riunione ha mantenuto i tassi di interesse vicini allo zero e confermato anche il programma di Quantitative easing, che comporta l’acquisto di bond, ogni mese, per un valore di almeno 120 miliardi di dollari. Questa settimana l’attenzione sarà rivolta agli importan[1]ti dati macro provenienti da Usa e Area Euro che dovrebbero confermare il miglioramento emerso già da altri indicatori. Numerosi gli appuntamenti sul fronte banche centrali. In programma le riunioni della BoE, di quella australiana, norvegese, polacca e turca. Infine, sono attesi diversi interventi di banchieri centrali, tra cui quelli di Powell e Lagarde.

 

AVVERTENZA
La presente pubblicazione è stata preparata da T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l. (l’Editore), con sede legale in Viale Sarca, 336 (edificio sedici), 20126, Milano, in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’Editore tuttavia, l’Editore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, le presunzioni di calcolo, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione. Per informazioni su T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l., in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.

AVVERTENZA

Il produttore delle raccomandazioni di investimento originali non è BNP Paribas, né una delle altre società del gruppo BNP Paribas. Le informazioni che ai sensi del Regolamento (UE) n. 596/2014 si richiedono al produttore sono fornite da una terza parte, sotto la propria responsabilità, in un’avvertenza separata. Per ulteriori informazioni, clicca QUI