06/12/2021 · Prodotto da T-Mediahouse

Settimana difficile complice il sell-off sui mercati innescato dalla variante Omicron. Tra i titoli del paniere principale non sono però mancati gli acquisti su UniCredit (+6,1%) che il 9 dicembre svelerà il nuovo piano targato Andrea Orcel. Dopo la rottura delle trattative con MPS, le attenzioni sono tutte rivolte alle strategie per dare nuovo fiato alla crescita del gruppo e sulla politica di remunerazione dei soci. Sotto i riflettori anche Banco BPM (+4,8%) ed Eni (+4,2%) che per Berenberg è buy con il target price a 14 euro. Secondo la banca d’affari, le controllate Plenitude e Var Energi sono in grado di sbloccare valore nascosto. Acquisti anche su Banca Generali (+4,5%) dopo il lancio della nuova piattaforma di home banking. Brilla Moncler (+3,9%) che celebra i dieci anni dall’apertura del suo primo store a Roma ampliando la sua iconica boutique in Piazza di Spagna. Tra i peggiori titoli troviamo DiaSorin (-5,7%) che conferma la capacità di identificare il virus Sars-CoV-2 dei propri test molecolari anche a fronte della nuova variante Omicron. Vendite anche su Enel (-4,3%) e Tim (-3,4%), in attesa delle decisioni del comitato presieduto da Salvatore Rossi sulla proposta di Opa da parte del fondo Kkr.

Le variazioni sono state rilevate alle ore 17:35 del 03/12/2021

TITOLI CALDI

Nella tabella sottostante possiamo vedere quei titoli che presentano multiplo P/E forward (stime a dodici mesi) a sconto rispetto alla media del P/E forward degli ultimi 5 anni e che contemporaneamente hanno visto un rialzo dell’EPS stimato (sempre forward) rispetto alla media degli ultimi 5 anni. Tra i titoli più interessanti questa settimana entrano Diasorin e Prysmian, mentre escono Hera, Italgas e Nexi.

MULTIPLI DI MERCATO

valori aggiornati alle 17:35 del 03/12/2021

 

AVVERTENZA
La presente pubblicazione è stata preparata da T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l. (l’Editore), con sede legale in Viale Sarca, 336 (edificio sedici), 20126, Milano, in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’Editore tuttavia, l’Editore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, le presunzioni di calcolo, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione. Per informazioni su T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l., in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.

AVVERTENZA

Il produttore delle raccomandazioni di investimento originali non è BNP Paribas, né una delle altre società del gruppo BNP Paribas. Le informazioni che ai sensi del Regolamento (UE) n. 596/2014 si richiedono al produttore sono fornite da una terza parte, sotto la propria responsabilità, in un’avvertenza separata. Per ulteriori informazioni, clicca QUI