Minute Fed portano volatilità sui mercati

10/01/2022 · Prodotto da T-Mediahouse

Avvio dell’anno con volatilità per i principali mercati azionari globali, con lo S&P 500 che dopo aver raggiunto un nuovo massimo storico, nella seduta del 4 gennaio, ha subito ritracciato al ribasso dopo le ultime notizie sul fronte Banche Centrali. I verbali dell’ultima riunione del Fomc, pubblicati mercoledì, hanno mostrato infatti una certa fretta della Fed nel tornare ad un tipo di politica monetaria pre-pandemica, con molti membri che hanno sottolineato la necessità di accelerare il percorso verso un aumento dei tassi d’interesse per fermare il surriscaldamento dell’economia in un contesto di alta inflazione e piena occupazione. Le decisioni della Fed, pronta ad alzare i tassi e a ridurre anche il proprio bilancio, hanno creato un forte scompiglio sui mercati dove abbiamo assistito ad un sell-off sui titoli tecnologici, che sono stati tra i maggiori beneficiari dei tassi di interesse bassi. Come conseguenza sono stati registrati forti cali sul Nasdaq 100 e al contempo forti rialzi sia sul dollaro che sul rendimento del Treasury a 10 anni americano che ha toccato il massimo da aprile 2021. Sul fronte dati macro, il report sull’occupazione Usa di dicembre ha confermato i timori degli operatori sul rischio di una continua fiammata dell’inflazione negli Stati Uniti, indicando tra l’altro una crescita dei nuovi posti di lavoro della metà circa rispetto alle previsioni del consensus.
Questa sarà una settimana densa di appuntamenti con il focus degli operatori indirizzato specialmente al dato sull’inflazione Usa di mercoledì. L’indice dei prezzi al consumo è atteso oltre il 7% per la prima volta dopo quarant’anni. In agenda anche l’inflazione cinese (sempre mercoledì) che, al contrario, dovrebbe evidenziare un rallentamento. Infine, al via negli Stati Uniti anche la stagione delle trimestrali che entrerà nel vivo venerdì, quando saranno pubblicati i dati societari di importanti banche come BlackRock, Citigroup, JP Morgan e Wells Fargo.

DUE SETTIMANE DI MERCATO

Valori aggiornati alle 17:35 del 07/01/2022

 

AVVERTENZA
La presente pubblicazione è stata preparata da T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l. (l’Editore), con sede legale in Viale Sarca, 336 (edificio sedici), 20126, Milano, in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’Editore tuttavia, l’Editore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, le presunzioni di calcolo, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione. Per informazioni su T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l., in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.

AVVERTENZA

Il produttore delle raccomandazioni di investimento originali non è BNP Paribas, né una delle altre società del gruppo BNP Paribas. Le informazioni che ai sensi del Regolamento (UE) n. 596/2014 si richiedono al produttore sono fornite da una terza parte, sotto la propria responsabilità, in un’avvertenza separata. Per ulteriori informazioni, clicca QUI