Market timing: Il Metaverso, la prossima evoluzione di internet

10/01/2022 · Prodotto da T-Mediahouse

Un tema molto attuale, anche dopo il rebranding di Facebook in Meta, è quello del metaverso e di come esso possa rivoluzionare l’intera economia mondiale e cambiare il mondo di internet per come lo conosciamo oggi. “Meta” dal greco significa oltre, mentre “verso” sta per universo. Il termine “Metavers” è stato per la prima volta usato da Neal Stephenson nel romanzo cyberpunk del 1992. Questo possiamo descriverlo come un mondo parallelo completamente online dove le persone possono fare shopping, seguire lezioni, lavorare, giocare, in pratica tutto quello che si può fare nella vita reale. Il portale di accesso a questo mondo virtuale è un visore e veniamo rappresentati da un avatar 3D, un personaggio digitale che può avere o non le nostre sembianze. Secondo molti esperti questa rivoluzione del metaverso coinciderà con l’inizio di una nuova economia da trilioni di dollari e potrebbe portare enormi rivoluzioni in praticamente ogni settore. Se fino a qualche anno fa il metaverso era solo una visione futuristica dell’internet, una fantasia romanzesca, adesso sta diventando realtà e sono tante le aziende che stanno lavorando a progetti che puntano in questa direzione, Nike, Apple, tra le altre. Mark Zuckerberg, nel rivelare le sue ambizioni con Meta nel campo del metaverso, ha affermato che “il metaverso è il successore dell’internet mobile, un internet dove sei nell’esperienza non la stai solo guardando”. Oramai le persone sono sempre più abituate a vivere il mondo digitale e lo scoppio della pandemia da Covid-19 non ha fatto altro che velocizzare questo processo. Se negli ultimi 20 anni, internet ha cambiato radicalmente la vita umana e ha digitalizzato la comunicazione tra le persone, nei prossimi decenni ci si aspetta che il metaverso digitalizzi il rapporto tra le persone e la società. Già ora, i maggiori player della tecnologia globale stanno gradualmente costruendo un ecosistema e dato che il metaverso nasce dall’unione di numerose tecnologie, coinvolgerà imprese attive nell’IoT (internet delle cose), nel cloud, nella realtà virtuale e aumentata, nell’intelligenza artificiale, nel 5G, nell’automazione e robotica, nei big data, nella blockchain e nei sistemi di pagamento. Le sfide da superare saranno molte, ma la tecnologia fa passi da gigante. Un modo alternativo di investire sulle aziende protagoniste di questa macro rivoluzione è utilizzando i certificati d’investimento.

 

AVVERTENZA
La presente pubblicazione è stata preparata da T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l. (l’Editore), con sede legale in Viale Sarca, 336 (edificio sedici), 20126, Milano, in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’Editore tuttavia, l’Editore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, le presunzioni di calcolo, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione. Per informazioni su T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l., in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.

AVVERTENZA

Il produttore delle raccomandazioni di investimento originali non è BNP Paribas, né una delle altre società del gruppo BNP Paribas. Le informazioni che ai sensi del Regolamento (UE) n. 596/2014 si richiedono al produttore sono fornite da una terza parte, sotto la propria responsabilità, in un’avvertenza separata. Per ulteriori informazioni, clicca QUI