Caso Evergrande e stagione trimestrali

25/10/2021 · Prodotto da T-Mediahouse

Torna il buonumore sulle principali borse internazionali, che mettono in secondo piano il rallentamento della crescita cinese. Nel terzo trimestre dell’anno, il Pil cinese è salito del 4,9% su base annua, meno della crescita pari a +5,2% attesa dagli analisti. Su base trimestrale, il Pil della Cina è avanzato dello 0,2%, meno del +0,5% stimato dal consensus e contro il precedente aumento dell’1,3%. I mercati hanno approfittato di un sollievo almeno temporaneo nel caso Evergrande. Il colosso immobiliare cinese, fortemente indebitato, sarebbe prossimo a pagare gli interessi dovuti alla scadenza del 23 settembre su alcuni bond che aveva emesso, schivando così un default che i mercati avevano dato quasi per scontato. Un altro tema di rilievo resta la stagione degli utili a Wall Street. Gli analisti continuano ad aumentare le loro aspettative in termini di utili delle grandi aziende americane: secondo gli ultimi dati di Refinitiv-IBES, il mercato ora conta su un aumento del 32,4% dei profitti delle società appartenenti all’indice S&P 500. Inoltre, stando a quanto riporta FactSet, circa l’81% delle società dell’S&P 500 che ha pubblicato gli utili ha battuto le stime degli esperti. La fase di positività ha spinto l’S&P 500 a toccare nuovi record la scorsa settimana. L’attenzione degli investitori è anche rivolta alle criptovalute, dopo il nuovo record toccato dal Bitcoin, che ha stracciato quello precedentemente testato alla metà di aprile. Questa sarà la settimana dei Pil, con le letture relative al terzo trimestre che giungeranno sia dagli Usa che dall’Eurozona. Da tenere sotto osservazione anche la riunione della Bce, con l’Istituto che probabilmente adotterà un atteggiamento dovish alla luce del recente rialzo dei tassi governativi. Settimana
densa anche di trimestrali. Negli Stati Uniti, sarà il turno dei colossi del tech quali Amazon, Apple, Facebook e Microsoft, mentre inizia ad infoltirsi anche il calendario delle pubblicazioni in Europa, con i big del settore bancario ed energetico.

 

DUE SETTIMANE DI MERCATO

Valori aggiornati alle 17:35 del 22/10/2021

 

AVVERTENZA
La presente pubblicazione è stata preparata da T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l. (l’Editore), con sede legale in Viale Sarca, 336 (edificio sedici), 20126, Milano, in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’Editore tuttavia, l’Editore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, le presunzioni di calcolo, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione. Per informazioni su T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l., in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.

AVVERTENZA

Il produttore delle raccomandazioni di investimento originali non è BNP Paribas, né una delle altre società del gruppo BNP Paribas. Le informazioni che ai sensi del Regolamento (UE) n. 596/2014 si richiedono al produttore sono fornite da una terza parte, sotto la propria responsabilità, in un’avvertenza separata. Per ulteriori informazioni, clicca QUI