La view del trader: Amazon diversifica nella sanità. Acquistata One Medical (telemedicina)

A cura di Alessandro Aldrovandi

08/08/2022 · Prodotto da T-Finance

Amazon punta sulla telemedicina e compra One Medical per 3,9 miliardi di dollari. Il colosso e-commerce ha annunciato di aver raggiunto un accordo con il management per rilevare il 100% della società quotata a Wall Street. Amazon offre 18 dollari per azione, con un premio di circa il 70% rispetto al prezzo di chiusura pre-offerta di One Medical. A New York il titolo si è immediatamente allineato, segno che il mercato non prevede ostacoli antitrust alla chiusura dell'affare.

Cosa fa One Medical. One Medical ha sede a San Francisco, in California. Conta 188 ambulatori, offre un'ampia gamma di servizi di telemedicina e conta 767.000 membri iscritti alla piattaforma. Nel primo trimestre di quest'anno la società ha registrato una perdita netta di 90,9 milioni di dollari su un fatturato di 254,1 milioni. Risultati che, assieme alla fiammata dell'inflazione e al rialzo dei tassi, le avevano fatto perdere quasi il 70% da inizio 2022 in borsa. Amazon ha fiutato l'occasione, approfittando del tracollo per lanciare la scalata. Una mossa che altre big tech potrebbero imitare nei prossimi mesi, sfruttando l'enorme liquidità accumulata nei due anni di pandemia.

I progetti di Amazon nella sanità. Amazon muove così un altro passo nella sanità, uno dei settori più interessanti in prospettiva alla luce dell'invecchiamento della popolazione. "Pensiamo che l'assistenza sanitaria sia in cima alla lista delle esperienze che hanno bisogno di essere reinventate", ha sottolineato ha affermato Neil Lindsay, senior vicepresident di Amazon Health Services. "Prenotare un appuntamento, aspettare settimane o addirittura mesi per essere visti, guidare presso una clinica, trovare un parcheggio, aspettare in sala d'attesa, ecc., questa è la prassi, ma ci sono molte opportunità sia per migliorare la qualità dell'esperienza che per restituire alle persone tempo prezioso nelle loro giornate".

Gli investimenti sui vaccini. Di recente, inoltre, è emerso che Amazon sta lavorando anche sullo sviluppo di vaccini. In particolare, il colosso e-commerce sta collaborando con il Fred Hutchinson Cancer Center di Seattle, città che ospita anche il quartier generale della società di Jeff Bezos, per sviluppare vaccini personalizzati ed economici contro il cancro al seno e alla pelle.

Per cogliere al meglio le opportunità offerte dal titolo Amazon, segnaliamo il certificato Memory Cash Collect (ISIN NLBNPIT166I7) avente come sottostante la singola azione. Venerdì scorso ha chiuso in discesa a 89,05. L’investimento fornisce un premo di 1,05 euro mantenendosi sopra la barriera di circa il 14%. Altrettanto interessante il certificato Cash Collect (ISIN NLBNPIT1CMY2) con sottostante un basket composto da Amazon, Apple, Meta e Tesla, premio 1,30 euro e chiusura settimanale a 104,00, con worst of di Meta oltre la barriera del 26,89%.

FIGURA

L’andamento di breve termine del titolo AMAZON

 

AVVERTENZA
La presente pubblicazione è stata preparata da T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l. (l’Editore), con sede legale in Viale Sarca, 336 (edificio sedici), 20126, Milano, in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’Editore tuttavia, l’Editore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, le presunzioni di calcolo, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione. Per informazioni su T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l., in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.

AVVERTENZA

Il produttore delle raccomandazioni di investimento originali non è BNP Paribas, né una delle altre società del gruppo BNP Paribas. Le informazioni che ai sensi del Regolamento (UE) n. 596/2014 si richiedono al produttore sono fornite da una terza parte, sotto la propria responsabilità, in un’avvertenza separata. Per ulteriori informazioni, clicca QUI