Il punto sull'azionario

30/05/2022 · Prodotto da T-Finance

Settimana all’insegna degli acquisti quella appena trascorsa per l’indice Ftse Mib che è riuscito a superare quota 24.500 punti. Per quanto riguarda i titoli del paniere principale, il migliore della scorsa ottava è stato Saipem (+9,3%), in scia alla promozione in Add (dal precedente sell) da parte di AlphaValue/Baader. UniCredit (+8,8%) prosegue il rimbalzo dai minimi del 9 maggio dopo che l’ad Andrea Orcel ha delineato la strategia futura del gruppo che mira a consolidare le attività nel settore retail insieme ad un marcato sviluppo della divisione Corporate and Investment Banking. Brilla anche Banco BPM (+7,4%) su alcune indiscrezioni che la vedono partecipe di un tentativo di fusione con il gruppo francese Credit Agricole. In evidenza BPER Banca (+7,9%) che ha ricevuto dalla Bce l’autorizzazione all’acquisizione di una partecipazione di controllo diretto in Banca Carige. I peggiori della scorsa settimana sono invece tutti titoli che hanno staccato la cedola. In totale sono state ben 19 le società del Ftse Mib che hanno pagato il dividendo per un totale di quasi 10 miliardi. A guidare la classifica a livello di valore assoluto del dividendo è Generali Assicurazioni (-5,1%) che ha distribuito ai soci quasi 1,7 miliardi di euro, seguono Eni e Intesa Sanpaolo a oltre 1,5 miliardi di euro.

TITOLI CALDI

Nella tabella sottostante possiamo vedere i titoli del Ftse Mib che presentano un multiplo P/E forward (stime a 12 mesi) a sconto rispetto alla media del P/E forward degli ultimi 5 anni e che, allo stesso tempo, hanno visto un rialzo dell’EPS stimato (sempre forward) rispetto alla media degli ultimi 5 anni. Tra i titoli più interessanti, questa settimana entra Prysmian, mentre non esce nessun titolo.

MULTIPLI DI MERCATO

 

AVVERTENZA
La presente pubblicazione è stata preparata da T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l. (l’Editore), con sede legale in Viale Sarca, 336 (edificio sedici), 20126, Milano, in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’Editore tuttavia, l’Editore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, le presunzioni di calcolo, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione. Per informazioni su T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l., in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.

AVVERTENZA

Il produttore delle raccomandazioni di investimento originali non è BNP Paribas, né una delle altre società del gruppo BNP Paribas. Le informazioni che ai sensi del Regolamento (UE) n. 596/2014 si richiedono al produttore sono fornite da una terza parte, sotto la propria responsabilità, in un’avvertenza separata. Per ulteriori informazioni, clicca QUI