Mercati digeriscono bene il meeting Bce

12/09/2022 · Prodotto da T-Finance

I principali listini internazionali proseguono la buona intonazione con gli indici di Wall Street che sono riusciti a interrompere una striscia di tre settimane consecutive di ribassi. L’ottimismo si propaga anche nel Vecchio Continente dopo le notizie relative alla guerra Ucraina con i sostanziali guadagni territoriali realizzati dalle truppe ucraine che fanno sperare in una conclusione del conflitto prima del previsto. Sul fronte banche centrali, giovedì scorso la Bce ha aumentato i tassi di interesse di 75 punti base, in una mossa attesa dal mercato. L’istituto di Francoforte ha anticipato che in futuro ci saranno ulteriori rialzi per “diversi” meeting. Gli investitori hanno guardato anche alle dichiarazioni del presidente della Fed, Jerome Powell, che ha confermato il massimo impegno a contrastare l’inflazione. “Posso assicurarvi che io e i miei colleghi siamo fortemente impegnati in questo progetto e lo continueremo fino a quando il lavoro non sarà terminato”. Parole che confermano l’attuale posizione da falco e rafforzano l’attesa di un nuovo rialzo dei tassi di 75 punti base nel meeting del 21 settembre. Venerdì si è riunito il Consiglio straordinario dei ministri dell’Energia, ma la proposta di introdurre un tetto al prezzo del gas russo non è stata discussa. Uno dei nodi principali che separa i Paesi è se imporre un tetto al prezzo generale del gas, come vorrebbe l’Italia, o soltanto a quello del gas proveniente da Mosca, con i Paesi confinanti con la Russia, come Ungheria, Slovacchia e Repubblica Ceca, che mantengono la loro ferma opposizione. Questa settimana l’attenzione sarà focalizzata sull’inflazione statunitense di agosto (domani) attesa in rallentamento all’8,1% dal 8,5%. Sempre domani avremo l’indice Zew tedesco e mercoledì la produzione industriale dell’Eurozona. Un occhio di riguardo andrà anche all’inflazione nel Regno Unito (mercoledì) attesa in accelerazione al 10,3%. Infine, si segnala che la BoE ha rimandato la riunione prevista per giovedì al 22 settembre.

 

AVVERTENZA
La presente pubblicazione è stata preparata da T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l. (l’Editore), con sede legale in Viale Sarca, 336 (edificio sedici), 20126, Milano, in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’Editore tuttavia, l’Editore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, le presunzioni di calcolo, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione. Per informazioni su T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l., in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.

AVVERTENZA

Il produttore delle raccomandazioni di investimento originali non è BNP Paribas, né una delle altre società del gruppo BNP Paribas. Le informazioni che ai sensi del Regolamento (UE) n. 596/2014 si richiedono al produttore sono fornite da una terza parte, sotto la propria responsabilità, in un’avvertenza separata. Per ulteriori informazioni, clicca QUI