Volatilità elevata con gli scontri in Ucraina

07/03/2022 · Prodotto da T-Finance

Quella passata è stata una settimana molto volatile e negativa per i principali listini internazionali, affossati dal conflitto tra Russia e Ucraina. I conflitti armati sono andati di pari passo con le sanzioni verso la Russia con l’obiettivo di isolare economicamente e commercialmente il paese sovietico. Sono volati i prezzi delle materie prime, con il petrolio WTI che ha raggiunto i 116 dollari al barile, livelli che non si vedevano dal 2011, mentre il Brent è tornato sui massimi dal 2014 a 116 dollari. Intanto incomincia a farsi sentire l’impatto della guerra sull’economia, con le stime del NIESR che evidenziano come il conflitto potrebbe portare ad una riduzione del Pil globale dell’1% entro il 2023 e nonostante l’alto livello di inflazione, potremmo non aver ancora raggiunto il picco. Sul fronte macro, l’incremento degli impieghi negli Stati Uniti a febbraio ha battuto le attese, evidenziando un solido mercato del lavoro e offrendo un parziale respiro dalle pressioni inflazionistiche con il rallentamento della crescita dei salari. I dati dovrebbero mantenere la Federal Reserve sulla strada per iniziare ad alzare i tassi di interesse, dopo che negli scorsi giorni il presidente della Fed, Jerome Powell, ha confermato l’impegno a contrastare l’inflazione con un primo intervento nella riunione del 14 marzo. Questa settimana l’attenzione sarà rivolta in particolare alla seduta di giovedì quando, oltre alla riunione della Banca centrale europea, saranno pubblicati anche i dati sull’inflazione statunitensi. Nel primo caso il focus sarà indirizzato specialmente alle nuove stime su crescita ed inflazione, che terranno conto degli effetti della guerra in Ucraina. Alla luce dell’elevata incertezza sui mercati legata al conflitto, secondo gli analisti la Bce dovrebbe mantenere un atteggiamento di cautela sul tema della normalizzazione della politica monetaria. Infine, la dinamica dei prezzi Usa dovrebbe evidenziare secondo gli esperti un’ulteriore accelerazione, la quinta consecutiva.

 

AVVERTENZA
La presente pubblicazione è stata preparata da T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l. (l’Editore), con sede legale in Viale Sarca, 336 (edificio sedici), 20126, Milano, in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’Editore tuttavia, l’Editore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, le presunzioni di calcolo, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione. Per informazioni su T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l., in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.

AVVERTENZA

Il produttore delle raccomandazioni di investimento originali non è BNP Paribas, né una delle altre società del gruppo BNP Paribas. Le informazioni che ai sensi del Regolamento (UE) n. 596/2014 si richiedono al produttore sono fornite da una terza parte, sotto la propria responsabilità, in un’avvertenza separata. Per ulteriori informazioni, clicca QUI