La view del trader: La Fed alza i tassi di interesse e accelera la stretta monetaria

A cura di Alessandro Aldrovandi

21/03/2022 · Prodotto da T-Finance

Che la Fed alzasse i tassi, dopo la due giorni di riunioni conclusa giovedì scorso, era scontato. La vera incognita ora è se gli altri sei ritocchi del costo del denaro previsti entro la fine dell’anno, più i tre messi in conto per il prossimo, riusciranno a frenare l’aumento dell’inflazione senza provocare una recessione. Il Fomc, infatti, ha approvato il rialzo di un quarto di punto con otto voti favorevoli e uno contrario, perché il capo della sede di St. Louis James Ballard avrebbe voluto un intervento più deciso, dello 0,5%. Però è solo l’inizio, perché la Banca centrale si aspetta altri sei interventi entro la fine del 2022, e tre nel corso del 2023, con il costo del denaro che potrebbe salire al 2,50% entro il prossimo anno.

Nello stesso tempo la Fed ha segnalato che avvierà presto un piano per alleggerire il suo portafoglio, arrivato a 9 trilioni di dollari per gli acquisti di asset decisi quando la crisi provocata dalla Covid aveva reso necessario stimolare l’economia. I troppi soldi iniettati nel mercato, sommati alle strozzature della catena di approvvigionamento generate dalla pandemia, hanno fatto impennare la domanda molto oltre la capacità dell’offerta di soddisfarla. Così a febbraio l’inflazione è salita al 7,9% su base annuale, e anche se la crescita rimane solida e la disoccupazione è scesa al 3,8%, gli americani pensano che l’economia vada male, creando le condizioni per una pesante sconfitta dei democratici alle elezioni Mid-term di novembre. A tutto questo si è aggiunta la guerra in Ucraina, che da una parte accresce l’instabilità e l’incertezza economica globale, dall’altra promette di gonfiare ancora di più l’inflazione, ad esempio a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia.

Come avviene in questi casi, l’aumento dei tassi di interesse dovrebbe agevolare soprattutto il settore bancario, che otterrebbe beneficio dal margine di intermediazione. Dal punto di vista dell’analisi tecnica, in particolare, i due principali istituti italiani, Intesa Sanpaolo e UniCredit, sembrano decisamente impostati al rialzo nel breve termine, grazie alla risalita che le quotazioni hanno intrapreso con forza dopo l’importante minimo realizzato lo scorso 7 marzo. E ci sono buone probabilità che tale andamento positivo possa continuare anche nelle prossime settimane, fino a raggiungere la resistenza costituita dalla propria media mobile a 25 periodi.

Per cogliere al meglio le opportunità offerte dal settore creditizio, si segnala il certificato Memory Cash Collect (ISIN NLBNPIT18VV7) avente come sottostante i titoli di cui sopra. Venerdì scorso ha chiuso in salita a 101,25. L’investimento fornisce un premo di 0,80 euro e l’azione Unicredit (worst of) si mantiene sopra la barriera di oltre il 62 per cento.

 

AVVERTENZA
La presente pubblicazione è stata preparata da T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l. (l’Editore), con sede legale in Viale Sarca, 336 (edificio sedici), 20126, Milano, in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’Editore tuttavia, l’Editore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, le presunzioni di calcolo, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione. Per informazioni su T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l., in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.

AVVERTENZA

Il produttore delle raccomandazioni di investimento originali non è BNP Paribas, né una delle altre società del gruppo BNP Paribas. Le informazioni che ai sensi del Regolamento (UE) n. 596/2014 si richiedono al produttore sono fornite da una terza parte, sotto la propria responsabilità, in un’avvertenza separata. Per ulteriori informazioni, clicca QUI