Un certificato con airbag per investire sui titoli petroliferi

03/08/2022 · Tema di Investimento a cura di Gabriele Bellelli
 

Il recente aumento della volatilità ha permesso agli emittenti di certificati di costruire prodotti con un interessante profilo di rapporto di rischio-rendimento.

 

 

Si muove in questa direzione l’ultima emissione di BNP Paribas che si caratterizza per l’effetto airbag.

 

 

Un esempio è il certificato “airbag cash collect” con isin NLBNPIT1EM28 e costruito sui titoli del settore petrolifero EniRepsol e Totalenergies.

Entrando nel dettaglio del prodotto:

-Il nome commerciale è Airbag cash collect

-l’Emittente è Bnp Paribas

-Il codice isin è NLBNPIT1EM28

-Obiettivo finanziario: entrata periodica

-Tipologia: capitale condizionatamente protetto

 -La quotazione attuale del certificato è in area 101-101,70

-La scadenza naturale è prevista il 29/07/2025, salvo che si attivi l’opzione “autocall” che prevede il richiamo anticipato del certificato rispetto alla sua naturale scadenza

-Il prodotto è quotato sul mercato Sedex di Borsa Italiana

-Il sottostante sono i titoli Eni, Repsol e Totalenergies che appartengono allo stesso settore e presentano un elevato grado di correlazione positivo

-Lo Strike è posto rispettivamente a 12,03 per Repsol, a 48,54 per Totalenergies e a 10,97 per Eni

-La barriera è “discreta” (attiva solo a scadenza) ed è posta rispettivamente a 7,218 per Repsol, a 29,124 per Totalenergies e a 6,582 per Eni

-La struttura cedolare è quella classica di un cash collect con il pagamento di cedole periodiche

-L’importo della cedola ammonta al 2,1%

-La frequenza di pagamento della cedola è trimestrale per cui il flusso cedolare potenziale annuo ammonta al 8,4%

-Tutte le cedole godono dell’effetto memoria

-È prevista l’opzione “autocall” a partire dalla seconda data di rilevazione (gennaio 2023) con trigger posta al 100% del valore dello Strike

-Le cedole e le eventuali plusvalenze di prezzo (differenza positiva tra il prezzo di acquisto e quello di vendita o di rimborso) costituiscono “reddito diverso” per cui possono essere utilizzati per recuperare eventuali minusvalenze pregresse

-Opzione Airbag che si attiva a scadenza nel caso in cui dovesse verificarsi l’evento barriera.

 

 

Analisi della struttura del certificato

In occasione della prima data di rilevazione non è attiva l’opzione autocall per cui un investitore potrà trovarsi di fronte a due scenari:

-tutti i sottostanti quotano ad un livello uguale o superiore al livello airbag: il certificato paga la cedola del 2,1% e si va alla successiva data di rilevazione;

-almeno uno dei sottostanti quota ad un livello inferiore rispetto al livello airbag: il certificato non paga la cedola, che gode dell’effetto memoria, e si va alla successiva data di rilevazione.

 

 

A partire dalla seconda data di rilevazione e fino a scadenza si attiva l’opzione autocall per cui si potranno verificare tre scenari:

-tutti i titoli sottostanti quotano ad un livello uguale o superiore allo Strike: in questo caso scatta l’opzione autocall per cui il certificato rimborsa in anticipo 100 euro, mantenendo la protezione del capitale e pagando la cedola del 2,1% (grazie all’effetto memoria, potranno inoltre essere recuperati eventuali premi non pagati precedentemente). 

-almeno uno dei sottostanti quota ad un livello inferiore rispetto allo Strike ma tutti quotano ad un livello uguale o superiore al livello airbag: in questo caso non scatta l’opzione autocall, il certificato paga la cedola del 2,1% (grazie all’effetto memoria, potranno inoltre essere recuperati eventuali premi non pagati precedentemente) e si va alla data di rilevazione successiva.

-almeno uno dei sottostanti quota ad un livello inferiore rispetto al livello airbag: in questo caso il certificato non paga la cedola, che però non è automaticamente persa in quanto gode dell’”effetto memoria”, e si va alla successiva data di rilevazione.

 

 

Salvo richiamo anticipato (attivazione dell’opzione autocall), questi tre scenari si verificheranno ad ogni data di rilevazione fino alla naturale scadenza nel luglio 2025.

 

 

A scadenza si potranno verificare due scenari:

-tutti i sottostanti quotano ad un livello uguale o superiore al livello airbag: in questo caso il certificato mantiene la protezione del capitale, rimborsa il valore nominale di 100 euro e paga la cedola del 2,1%, oltre alle eventuali cedole precedentemente non erogate, grazie all’effetto memoria.

-almeno uno dei sottostanti quota ad un livello inferiore al livello airbag: in questo caso il certificato perde la protezione del capitale ma si attiva l’opzione airbag che permette di ridurre la perdita monetaria (come è possibile constatare dall’immagine sottostante che ritrae l’analisi di scenario a scadenza di Cedlab).

In questo caso quindi il certificato pagherà un importo commisurato al valore del sottostante “worst of”, ossia che durante la vita del certificato ha registrato al performance peggiore, moltiplicato per il “fattore  airbag” che nel caso specifico, considerando che il livello airbag è posto al 60%, ammonterà a (100/60)=1,6667

 

Puoi consultare l’intera nuova emissione di BNP Paribas dedicata ai “cash collect airbag”, cliccando su questo link

 

Buon investing!

Gabriele

© Riproduzione parziale o totale concessa con espressa citazione della fonte

Nel rispetto delle vigenti normative si specifica che in questo articolo il materiale è stato prodotto da Gabriele Bellelli, investitore privato e formatore (in seguito “autore”) il giorno 27 aprile 2022 alle ore 09.00 e diffuso al pubblico per la prima volta il 27 aprile 2022 alle ore 10.00. 
L’autore del presente articolo si trova in un rapporto o circostanza da cui possa ragionevolmente attendersi la compromissione della correttezza della presente comunicazione o la presenza di eventuali conflitti di interesse, a titolo esemplificativo e non esaustivo, percepisce una remunerazione per il servizio di analisi sui prodotti finanziari oggetto dell'articolo da parte dell’emittente di tali prodotti ma non detiene attualmente alcuni dei prodotti finanziari citati. 
In particolare, l’autore non detiene una posizione corta o lunga netta superiore alla soglia dello 0,50% del capitale azionario totale emesso dagli emittenti al quale la raccomandazione si riferisce, e non detiene neanche indirettamente una posizione netta superiore alla soglia dello 0,50% del capitale azionario totale emesso dagli emittenti al quale la raccomandazione si riferisce anche indirettamente, non è un market maker o un fornitore di liquidità per gli strumenti finanziari dell’emittente, non ha svolto nei 12 mesi precedenti la funzione di capofila o capofila associato di un’offerta pubblica di strumenti finanziari dell’emittente, non è parte di un accordo con l’emittente sulla prestazione di servizi di impresa di investimento e non è parte di un accordo con l’emittente relativo alla produzione della raccomandazione.
I contenuti del presente articolo sono elaborati sulla base delle seguenti fonti di informazione: Investimenti.Bnpparibas.it, Borsa Italiana, Acepi e Eikon Refinitiv che l’autore ritiene attendibili per quanto a sua conoscenza, senza tuttavia poterne garantire l’assoluta affidabilità.
Le valutazioni in merito agli strumenti finanziari sono state elaborate in base a modelli proprietari creati dall’autore. Le informazioni in merito ai modelli proprietari utilizzati sono consultabili sul sito Bellelli.biz (sito attualmente in ristrutturazione)
A seguito di una personale valutazione dell’autore il grado di rischio comportato degli strumenti finanziari oggetto di valutazione nel presente articolo è elevato. 
Ad ogni buon conto, si ricorda che per loro stessa natura le affermazioni prospettiche comportano rischi e incertezze, in quanto relative a eventi e circostanze futuri, di conseguenza i risultati effettivi, le performance, i rendimenti e/o i risultati economici complessivi possono discostarsi significativamente da quelli descritti o suggeriti nelle affermazioni prospettiche contenute nel presente seminario. 
In generale, si ricorda che l’investimento in strumenti finanziari comporta il rischio di subire delle perdite del capitale investito, che nella peggiore delle ipotesi può arrivare fino alla perdita totale dello stesso. 
In considerazione di ciò, ogni eventuale decisione di investimento negli strumenti finanziari oggetto del presente seminario e il relativo rischio rimangono a carico del destinatario della stessa, che dovrà analizzare e approfondire, eventualmente facendosi affiancare da un professionista di fiducia, le caratteristiche di ogni strumento finanziario per verificarne la compatibilità con la propria pianificazione finanziaria personale e il proprio grado di rischio.
I contenuti sono stati prodotti sulla base dei dati, delle informazioni e delle quotazioni rilevale il giorno 26 aprile 2022 alla chiusura del mercato.
Non è previsto un aggiornamento dei contenuti di questo articolo.
L’elenco delle raccomandazioni diffuse nei precedenti 12 mesi è reperibile al seguente link http://www.bellelli.biz/blog/5853-mar-elenco-delle-raccomandazioni

Si rileva anche che l’autore del seguente materiale e seminario non è iscritto all’Ordine dei Giornalisti e che pertanto potrebbe detenere alcuni dei valori mobiliari oggetto del seguente articolo.
Inoltre le informazioni contenute all’interno di questo articolo non costituiscono un servizio di consulenza finanziaria o un consiglio operativo, né costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, o a qualsivoglia forma di investimento.
I risultati presentati non costituiscono alcuna garanzia relativamente ad ipotetiche performance future. 
Il materiale illustrato ha scopo puramente didattico, e l’autore, nonostante abbia messo la massima cura nell’elaborazione dei dati e dei testi, declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati e chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle indicazioni riportate, lo fa a proprio rischio e pericolo.

AVVERTENZA

Il produttore delle raccomandazioni di investimento originali non è BNP Paribas, né una delle altre società del gruppo BNP Paribas. Le informazioni che ai sensi del Regolamento (UE) n. 596/2014 si richiedono al produttore sono fornite da una terza parte, sotto la propria responsabilità, in un’avvertenza separata. Per ulteriori informazioni, clicca QUI