Cedole garantite senza autocallable da Bnp Paribas

21/06/2022 · Tema di Investimento a cura di Milano Finanza
 

Giovedì scorso Bnp Paribas ha quotato sull’Mtf SeDeX di Borsa italiana 18 nuovi certificati denominati “Premi Fissi Cash Collect”, legati ad altrettanti panieri “Worst of” composti da due, tre o quattro titoli azionari. La selezione dei titoli rappresentati in ogni basket è stata fatta con una logica geografica o settoriale, per offrire all’investitore l’opportunità di puntare su società italiane o appartenenti al medesimo comparto economico, con un occhio ai temi d’investimento più innovativi, come quelli del metaverso, della cybersecurity e dei pagamenti digitali, ma senza trascurare settori come quello della difesa, che ha registrato rendimenti interessanti. La logica di questi prodotti è ben espressa dal loro nome: come tutti i Cash Collect, anche questi prodotti prevedono innanzitutto il pagamento periodico di una serie di importi addizionali, che nel caso specifico vengono però definiti “Premi Fissi”, volendo intendere non tanto l’ammontare predefinito dei pagamenti, quanto piuttosto il fatto che gli stessi siano di natura incondizionata. Nel dettaglio, ognuno dei prodotti in questione prevede lo stacco di ben 24 cedole mensili, comprese tra lo 0,75% e l’1,65% lordo, che saranno tutte corrisposte indipendentemente dall’andamento dei sottostanti, quindi anche in presenza di uno scenario fortemente negativo. Considerando l’elevata volatilità di questa fase e soprattutto le numerose incertezze che graveranno sullo sviluppo dei mercati azionari ancora per qualche tempo, non è un beneficio da poco quello di poter svincolare i premi periodici dal rischio di mercato.

 

 

La vera novità di questa emissione, almeno in relazione alla gamma di Bnp Paribas, riguarda soprattutto l’assenza di opzioni autocallable: nessuno dei prodotti in questione potrà infatti estinguersi anticipatamente, interrompendo il flusso cedolare previsto: solitamente gli strumenti a rendimento cedolare prevedono una clausola, in ragione della quale vengono liquidati anticipatamente in presenza di uno scenario positivo: in questo caso invece, anche nel caso di un deciso allungo dei titoli in gioco, i Cash Collect non saranno esercitati e potranno quindi continuare a garantire il pagamento dei premi mensili, che saranno effettivamente garantiti  per i prossimi due anni. Sarà invece solo il rimborso del capitale a scadenza a dover sottostare al rischio di mercato, che dal canto suo sarà comunque attenuato dalla presenza di una barriera discreta, valida cioè solo alla data di valutazione finale, entro la quale l’eventuale scenario negativo sarà comunque ammortizzato: solo se almeno uno dei titoli in gioco chiuderà al di sotto della barriera, il certificato pagherà un importo commisurato alla performance del titolo peggiore.

 

 

A titolo di esempio prendiamo il certificato su Banco Bpm, Intesa Sanpaolo e Unicredit (Isin NLBNPIT1CMT2), che consente di puntare sul comparto bancario italiano. Si tratta di un settore particolarmente sotto pressione, soprattutto nell’ultima settimana, ma che potrà beneficiare di un timing di rilevazione degli strike piuttosto favorevole: i livelli iniziali dei tre titoli sono stati infatti definiti alla chiusura di venerdì 10 giugno, quando gli stessi avevano pagato una violenta battuta d’arresto, in scia alla svolta aggressiva annunciata dalla Banca centrale europea il giorno prima. Il certificato in questione pagherà quindi un premio fisso di 0,90 euro (pari al 10,8% lordo annuo) in ognuno dei prossimi 24 mesi, mentre a scadenza il rimborso del capitale iniziale sarà vincolato al rispetto di una barriera posta al 70% dei rispettivi valori iniziali, che sono stati definiti, come detto, su livelli già molto sacrificati. Gli stessi importi periodici contribuiranno inoltre ad attenuare l’eventuale contraccolpo di uno scenario negativo a scadenza, considerando, per esempio, che questo strumento corrisponderà sotto forma di cedola periodica un ammontare complessivo superiore al 20% del valore nominale del certificato. (riproduzione riservata)


CARATTERISTICHE

  •  Premi mensilipotenzialitra lo 0,80% (9,6% p.a.) e (22,2% p.a.) del valore nominale con Effetto Memoria
  •  Barriera Premio e Barriera a Scadenza: fino al 40% del valore iniziale delle azioni sottostanti. Il valore della Barriera Premio e della Barriera a Scadenza pertanto coincidono
  •  ValoreNominale: 100 euro
  •  Rimborso condizionato del capitale a scadenza
  •  Sede diNegoziazione: SeDeX(MTF), mercato gestito da Borsa Italiana

EFFETTO MEMORIA

  •  Certificate Memory Cash Collect possono corrispondere premi con Effetto Memoria nelle date intermedie e a scadenza. In particolare, l'effetto memoria permette all'investitore di ricevere, a una data di valutazione, un premio cumulativo comprendente tutti i premi non pagati nelle precedenti date di valutazione, se a tale data di valutazione sono soddisfatte le condizioni per ricevere il premio.

AVVERTENZA
Il presente articolo è stato redatto in autonomia da MFIU-Milano Finanza Intelligence Unit sulla base di fonti ritenute affidabili. L’articolo è finalizzato a offrire sintetici spunti meramente informativi e illustrativi sull'impiego di strumenti finanziari senza perciò rappresentare una sollecitazione al pubblico risparmio, né un invito a sottoscrivere o ad acquistare i titoli e neppure una consulenza, raccomandazione e/o consiglio di investimento. Pertanto, qualsiasi decisione di investimento e il relativo rischio rimangono a carico dell'investitore, al quale si raccomanda vivamente di rivolgersi, prima di assumere qualsiasi decisione, all’emittente per ogni più opportuna consulenza, approfondimento e valutazione al fine di compiere scelte consapevoli, invitando a leggere sempre la documentazione regolamentare presente sul sito dell’emittente. Conseguentemente, e in ogni caso, né MFIU, né BNP Paribas, ivi comprese le società del Gruppo BNP Paribas, potranno essere ritenuti in alcun modo responsabili per le conseguenze che potrebbero derivare dall'eventuale utilizzo che il lettore potrà fare dei contenuti dell'articolo

Per informazioni su MFIU-Milano Finanza Intelligence Unit quale produttore di raccomandazioni, nonché sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.

AVVERTENZA

Il produttore delle raccomandazioni di investimento originali non è BNP Paribas, né una delle altre società del gruppo BNP Paribas. Le informazioni che ai sensi del Regolamento (UE) n. 596/2014 si richiedono al produttore sono fornite da una terza parte, sotto la propria responsabilità, in un’avvertenza separata. Per ulteriori informazioni, clicca QUI