Le compagnie aeree volano in cieli sereni. Come esporsi al settore con un Cash Collect

16/05/2024 · Tema di Investimento a cura di FOL

Le compagnie aeree stanno recuperando gli investimenti posticipati a causa della pandemia con le previsioni che ipotizzano una solida domanda di viaggi aerei ed elevati prezzi dei biglietti aerei per tutto il 2024. Utilizzando i Cash Collect Certificate, prodotti finanziari in grado di conciliare in varie strutture la possibilità di crescita di valore e la salvaguardia del proprio portafoglio, è possibile prendere posizione sul settore delle compagnie aeree puntando sui titoli più promettenti.

Ancora criticità per il settore

Il recente passato ha dimostrato che il settore delle compagnie aeree risulta essere decisamente vulnerabile alle fluttuazioni economiche globali. Prima dell’arrivo del Covid-19, la crescita economica aveva alimentato una domanda costante per i viaggi aerei, spingendo le compagnie aeree ad espandere le loro flotte, aprire nuove rotte e investire in infrastrutture aeroportuali.

Lo stop forzato durante la pandemia ha messo in seria difficoltà il comparto, che ancora oggi stenta completamente a riprendersi, tra margini storicamente non elevati, rincari del carburante (arrivato a pesare anche oltre un quarto del totale dei costi operativi di una compagnia aerea), ai quali va aggiunto anche lo stock di debito che hanno dovuto contrarre per sopravvivere durante gli anni pandemici, faticosamente riassorbito grazie a frequenti ricapitalizzazioni. Inflazione, tassi di mercato e futuro rallentamento economico, sono i tre pilastri che più potrebbero impattare sui numeri delle big del settore degli aerei.

Previsioni positive sui prezzi dei biglietti

La forte richiesta di viaggi in aereo, unita a delle limitazioni persistenti nell’offerta, si prevede che continuerà a sostenere i prezzi elevati dei biglietti aerei nel corso del 2024. Questa è l’analisi presentata dagli specialisti di S&P in un recente studio sul settore delle compagnie aeree.

Secondo quanto riportato dall’agenzia di rating, il bisogno di recuperare gli investimenti posticipati a causa della pandemia, insieme agli alti costi per l’acquisto di nuovi velivoli più efficienti in termini di consumo, influenzerà negativamente i flussi di cassa delle compagnie aeree, nonostante possano esserci dei ritardi nelle consegne dei nuovi aeromobili.

Le proiezioni sulle valutazioni di rating sembrano rimanere sostanzialmente stabili, tuttavia i rischi di un peggioramento sono maggiori. Le pressioni economiche generali potrebbero incidere sul potere di spesa dei consumatori, specialmente se si verificassero incrementi inaspettati nei tassi di disoccupazione. Un’escalation delle tensioni geopolitiche, inoltre, potrebbe causare un aumento nei costi del carburante.

La domanda di viaggio continua a crescere

La domanda a livello globale nel mese di marzo, sia in ambito passeggeri sia merci, è cresciuta a doppia cifra a livello globale nel mese di marzo. Secondo gli ultimi dati disponibili forniti da Iata (International Air Transport Association) lo scorso marzo il mercato passeggeri ha registrato una crescita in termini di Rpk del +13,8% rispetto a marzo 2023. La capacità totale, misurata in posti-chilometro disponibili (Ask), è aumentata del 12,3% rispetto all’anno precedente, con un load factor dell’82% (un punto percentuale in più rispetto a marzo 2023).

La domanda internazionale è aumentata del 18,9% rispetto a marzo 2023; la capacità è aumentata del 18,8% su base annua e il load factor è migliorato all’81,6%. A livello domestico la domanda è cresciuta del 6,6% rispetto a marzo 2023; la capacità è aumentata del 3,4% su base annua e il tasso di riempimento voli è stato dell’82,6% (+2,5 punti rispetto a marzo 2023).

Tutte le regioni hanno mostrato una forte crescita per i mercati passeggeri internazionali nel marzo 2024 rispetto a marzo 2023. I vettori europei hanno registrato un aumento della domanda dell’11,6% su base annua. La capacità è aumentata dell’11,4% e il fattore di riempimento è stato del 79,9%. I vettori nordamericani hanno registrato un aumento della domanda del 14,5% su base annua, con un aumento di capacità del 14,8% e un calo del fattore di riempimento all’84,7% (-0,2 punti rispetto a marzo 2023).

Rendimento annuo del 12% con barriera premio al 50%

Un modo alternativo di investire sul settore delle compagnie aeree è quello di utilizzare i certificati d’investimento, come i nuovi Fast Step-Down Cash Collect targati BNP Paribas, disponibili sul SeDeX (MTF) di Borsa Italiana. Questi Certificate, di durata triennale (con scadenza fissata l’8 aprile 2027), sono strutturati su panieri Worst Of di azioni e offrono potenziali premi mensili con effetto memoria tra lo 0,70% (8,40% p.a.) e l’1,45% (17,40% p.a.). La barriera premio e quella a scadenza coincidono, poiché fissate entrambe dal 55% fino al 30% del valore iniziale dei sottostanti.

La nuova emissione ha dunque l’obiettivo di generare rendimento per gli investitori in contesti di mercato rialzisti, laterali o anche ribassisti, purché i cali siano contenuti entro i livelli barriera. A questo proposito, i Fast Step-Down Cash Collect si caratterizzano per la profondità delle barriere (fino al 30%, ovvero proteggono per ribassi fino al -70% dei sottostanti), permettendo così di ampliare le possibilità di rendimento e protezione a scadenza anche in caso di andamento ribassista dei mercati azionari. A questa caratteristica, particolarmente apprezzata dagli investitori in situazioni di mercati incerti come quelli attuali, si coniuga la possibilità di rimborso anticipato automatico con il livello autocall che decresce nel tempo (effetto Step-Down) fino al 66% del valore iniziale.

I panieri dei 20 certificati della nuova serie sono costruiti per permettere all’investitore di prendere posizione tramite un unico strumento su alcune tra le più importanti realtà finanziarie ed industriali italiane e internazionali, seguendo un approccio tematico e consentendo di puntare sui titoli di diversi comparti economici. Tra questi troviamo anche il Certificate (ISIN NLBNPIT21T65) per prendere posizione sul settore delle compagnie aeree costruito sul paniere composto da United Airlines, EasyJet, Deutsche Lufthansa. Il prodotto pagherà un premio mensile pari all’1% dell’importo nozionale (ovvero 1 euro, pari al 12% annuo) ad ogni data di valutazione intermedia in cui il valore delle azioni sottostanti è maggiore o uguale al livello barriera premio, posto al 50%. Inoltre, tutte le cedole sono dotate di effetto memoria, un meccanismo che permette all’investitore di ricevere, a una data di valutazione mensile, un premio cumulativo comprendente tutte le cedole non pagate precedentemente, se a tale data di valutazione sono soddisfatte le condizioni per ricevere il premio.

Scadenza anticipata facilitata con Step-Down

La particolarità di questa emissione è data dalla possibilità di scadenza anticipata, a partire dal sesto mese di vita (ottobre 2024), qualora in una delle date di valutazione mensili tutti i sottostanti del paniere quotino ad un valore superiore o pari al livello Step-Down. In tal caso, il Certificate scade e rimborsa l’importo nozionale di 100 euro, oltre al premio mensile con eventuale effetto memoria. Il livello Step-Down parte dal 95% del valore iniziale dei sottostanti a ottobre 2024 e decresce ogni mese dell’1% fino ad arrivare al 66% (corrispondente quindi ad una potenziale performance del sottostante peggiore pari al -34% rispetto al valore iniziale), aumentando, quindi, la possibilità di scadenza anticipata del Certificate.

Quando e se il certificate giungerà a scadenza (8 aprile 2027), si prospettano due possibili scenari:

  1. se la quotazione di tutte le azioni è pari o superiore al livello barriera a scadenza (50% del valore iniziale dei sottostanti), il Certificate rimborsa l’importo nozionale (100 euro) più il premio (1 euro) con effetto memoria;
  2. se la quotazione di almeno uno dei sottostanti è inferiore al livello barriera a scadenza (50% del valore iniziale dei sottostanti), il Certificate paga un importo commisurato alla performance dell’azione peggiore (con conseguente perdita, parziale o totale, del capitale investito).

Di seguito le analisi di scenario a scadenza:

 

Infine, il certificato è dotato di opzione Quanto che lo rende immune dall’oscillazione del cambio tra l’euro nei confronti del dollaro Usa (la valuta del sottostante United Airlines) e della sterlina inglese (la valuta del sottostante EasyJet), neutralizzando il relativo rischio.

I giudizi degli analisti sui titoli del paniere

Il consensus raccolto da Bloomberg sui tre titoli del paniere, che riportiamo nella tabella qui sopra, è sostanzialmente positivo. Su United Airlines e EasyJet prevalgono le raccomandazione di acquisto (buy), la restante parte suggerisce di mantenere la azioni in portafoglio (hold) e solo 1 analista dice di vendere (sell) United Airlines. Su Deutsche Lufthansa, invece, la maggior parte degli analisti consiglia l’hold, mentre i restanti prediligono il buy dal sell. Inoltre, il target price medio indica che attualmente questi quattro titoli appaiono ancora sotto-prezzati e dai quali gli analisti si aspettano potenziali upside entro i prossimi 12 mesi.

Questo rende i sottostanti del paniere idonei a strategie con un Certificate Fast Step-Down Cash Collect, ovvero per chi ha una visione laterale o moderatamente rialzista di un determinato settore (in questo caso il settore delle compagnie aeree). Questi certificati offrono all’investitore sia la possibilità di ricevere premi mensili anche nel caso di andamento negativo del sottostante, sia di cavalcare l’andamento rialzista dei mercati azionari, per ottenere un rendimento interessante al momento della scadenza anticipata (da ottobre 2024) oppure alla fine della vita del prodotto dopo tre anni (aprile 2027).

AVVERTENZA

La presente pubblicazione è stata preparata da T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l. (l’Editore), con sede legale in Viale Sarca, 336 (edificio sedici), 20126, Milano, in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’Editore; tuttavia, l’Editore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, le presunzioni di calcolo, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione.

Per informazioni su T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l., in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.