• | A A A
  • Moody's Aa3
  • Rating BNP Paribas S&P A+

Prodotti di Borsa, BNP Paribas

Investimenti
La banca per un mondo che cambia

Mercati ottimisti su esito colloqui Usa-Cina, sorvolano le minute di Bce e Fed

Lasciati per il momento da parte i timori di un rallentamento globale dopo l’ultima tornata di dati macroeconomici deboli sulla salute dell’economia americana ed europei, i mercati azionari hanno ripreso a salire in scia all'ottimismo per i negoziati in corso a Washington tra Stati Uniti e Cina sulla questione commerciale. Nel primo giorno di incontro tra i rappresentanti americani e cinesi, le discussioni sono state positive. I negoziati per evitare l'escalation della guerra commerciale Usa-Cina “sono andati molto, molto bene”. Così il presidente americano Donald Trump ha commentato l'incontro che si è tenuto giovedì, a Washington, tra la delegazione cinese guidata dal vicepremier Liu He, e i funzionari dell'amministrazione americana. “Loro vogliono un accordo” ha annunciato Trump indicando che oggi dovrà incontrare il vicepremier cinese. Il tredicesimo round negoziale vede da una parte il vicepremier e capo delegazione cinese Liu He e dall’altra il rappresentante al Commercio Robert Lighthizer e il segretario al Tesoro Steven Mnuchin.

Sullo sfondo, la diffusione delle minute da parte del Fomc, da cui risulta che diversi funzionari hanno citato l'inflazione nel giustificare il desiderio di procedere a un altro taglio dei tassi, in occasione della riunione di settembre. Le minute del braccio di politica monetaria della Federal Reserve sono relative alla riunione del 17-18 settembre, in cui Powell & Co hanno preso la decisione di procedere a un secondo taglio dei tassi, dopo quello di luglio, pari a 25 punti base, al range compreso tra l'1,75% e il 2%. Dalle minute emerge che i banchieri hanno manifestato preoccupazioni sull'“aumento significativo” delle probabilità di una recessione negli Stati Uniti, a causa del rallentamento della crescita globale e alle conseguenze dell'escalation delle tensioni commerciali e geopolitiche.

Dopo le minute della Federal Reserve, anche le minute della Bce, relative al meeting dello scorso 12 settembre, in cui, oltre a tagliare i tassi sui depositi dal -0,40% al -0,50%, il numero uno Mario Draghi ha annunciato diverse iniziative straordinarie di politica monetaria espansiva, tra cui il ripristino del Quantitative easing. Dalle minute emerge una banca centrale sempre più divisa: il QE è stato sostenuto da “una chiara maggioranza”, il sistema tiering da “una maggioranza” e il taglio del tasso sui depositi di 10 punti base da “una maggioranza molto grande”. Tutti gli esponenti del Consiglio si sono trovati d’accordo, in ogni caso, sulla necessità che la Bce lanciasse una politica monetaria più accomodante.

In questo contesto i trader hanno apprezzato i certificati a leva su azioni e indici. Il più scambiato nell’ultima settimana con 43 contratti e circa 1,6 milioni di euro di controvalore è risultato il Mini Long (Isin NL0012157507) su Enel con scadenza prevista per il 18 dicembre 2020. Il prodotto presenta una leva che è arrivata a circa 1,9 volte, in virtù di un livello strike a 3,2571 euro e distanza dal Knock Out di circa il 49%.

In primo piano anche le fluttuazioni delle Borse americane. Tra i prodotti più apprezzati troviamo il Turbo Short (Isin NL0013493356) sul Nasdaq 100 con scadenza il 18 dicembre 2019. Il certificato presenta una leva che è arrivata a circa 13,21 volte, in virtù di un livello strike a 8.2501 punti e distanza dal Knock Out di circa il 7%. Ammonta a circa 1,1 milioni di euro il controvalore scambiato su questo prodotto, per un totale di 67 contratti.

Nel mirino dei trader è entrato anche il Turbo Short (Isin NL0013493141) legato all’S&P 500 con 79 contratti e circa 922 mila euro di controvalore. Il prodotto, con scadenza 18 dicembre 2019, ha un livello di Strike a 3.100 punti e di conseguenza negli ultimi giorni ha visto la leva posizionarsi intono alle 15 volte. La distanza dal Knock Out è di circa il 6%.

Infine, non sono mancate le contrattazioni sul mercato italiano. Il più scambiato è stato il Turbo Short (Isin NL0013492291) sul Ftse Mib che ha raccolto 489 mila euro con 19 contratti. Il certificato, con scadenza 20 dicembre 2019, ha Strike a 23.500 punti e leva che ha raggiunto 10 volte (distanza dal Knock Out del 9%).

Per informazioni su Brown Editore S.r.l., in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.