Aumentano le tensioni tra Cina e Usa

08/08/2022 · Prodotto da T-Finance

La maggior parte delle bose europee e americane anche se rimangono molti gli elementi di incertezza. In particolare, preoccupano le crescenti tensioni tra Stati Uniti e Cina dopo la visita a Taiwan della speaker della Camera Nancy Pelosi e intanto proseguono le esercitazioni militari cinesi introno a Taiwan. La Bank of England ha alzato di 50 punti base i tassi di riferimento portando così il costo del denaro all’1,75%, il maggior rialzo degli ultimi 27 anni. La Banca centrale inglese ora prevede di entrare in recessione a partire dal quarto trimestre e vede un’inflazione superiore al 13% entro la fine di quest’anno. D’altra parte, anche il bollettino economico della Bce, ha evidenziato che l’attività economica nell’area euro sta rallentando e che la guerra in Ucraina rappresenta un persistente freno alla crescita, confermando ulteriori rialzi nelle successive riunioni. Positività dalle trimestrali, in America delle oltre 340 società dello S&P 500 che hanno pubblicato i risultati del 2 trimestre, il 74% di esse ha superato le stime degli analisti in termini di utili, ma anche in Europa i risultati hanno superato le previsioni. Settimana ricca di trimestrali anche a Piazza Affari dove hanno sorpreso i conti delle banche. La settimana si è conclusa con la pubblicazione dei dati sul mercato del lavoro americano, con i Non farm payrolls che registrano 528 mila nuovi posti di lavoro, un dato ampiamente al di sopra al consensus di +250 unità. La situazione è particolare in quanto il mercato del lavoro rimane forte nonostante un Pil in calo. Questa settimana il focus degli investitori sarà incentrato sull’inflazione americana del mese di luglio, dato atteso dagli analisti in rallentamento all’8,7% dal 9,1% precedente e questo anche grazie al calo del prezzo della benzina. Sul fronte Banche centrali saranno da a monitorare anche gli interventi di alcuni membri Fed, prevalentemente non votanti, in quanto avverranno tutti dopo la pubblicazione del dato sull’inflazione.

 

AVVERTENZA
La presente pubblicazione è stata preparata da T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l. (l’Editore), con sede legale in Viale Sarca, 336 (edificio sedici), 20126, Milano, in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’Editore tuttavia, l’Editore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, le presunzioni di calcolo, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione. Per informazioni su T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l., in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.

AVVERTENZA

Il produttore delle raccomandazioni di investimento originali non è BNP Paribas, né una delle altre società del gruppo BNP Paribas. Le informazioni che ai sensi del Regolamento (UE) n. 596/2014 si richiedono al produttore sono fornite da una terza parte, sotto la propria responsabilità, in un’avvertenza separata. Per ulteriori informazioni, clicca QUI