La view del trader: La guerra premia Leonardo in Borsa. Boom delle azioni e previsioni al rialzo

A cura di Alessandro Aldrovandi

02/05/2022 · Prodotto da T-Finance

Il 31 marzo scorso il Senato italiano ha approvato il disegno di legge n. 2562 di conversione del decreto legge 25 febbraio n. 14, recante “disposizioni urgenti sulla crisi in Ucraina”. Tra queste figura l’aumento delle spese militari fino al 2% del PIL. La misura ha generato tensione nella maggioranza e dubbi fra i cittadini, soddisfacendo invece le aziende italiane produttrici di armamenti, tra cui emerge il leader del settore, Leonardo, che attraverso le parole del suo amministratore delegato, Alessandro Profumo, ha dichiarato che «un potenziale aumento della spesa militare potrebbe portare nuovi rialzi alle stime di crescita rilasciate il mese scorso». D’altronde, dall’inizio della guerra in Ucraina l’azienda ha vissuto un rialzo in Borsa di oltre il 53%, passando da 6,400 euro per azione (23 febbraio) a 9,824 euro (29 aprile). Inoltre, sempre a marzo Leonardo aveva già dichiarato che nel 2022 il proprio flusso di cassa libero, un parametro volto a misurare la reale redditività di un’impresa, sarebbe più che raddoppiato rispetto al 2021 (passando da 209 a 500 milioni di euro), complice l’aumento delle spese militari annunciato da diversi Paesi in seguito all’invasione russa dell’Ucraina. «Stiamo confermando il nostro obiettivo di generare un flusso di cassa cumulativo di 3 miliardi di euro nel periodo 2021-2025, con un significativo passo avanti nel 2022», ha dichiarato Alessandro Profumo. D’altronde, la stessa Leonardo ha reso noto che “tutte le attività hanno recuperato i livelli pre-pandemia, esclusa la divisione Aerostructures, attualmente in fase di ristrutturazione”, il che comporta previsioni relative alle entrate pari a 15 miliardi di euro nel 2022, dopo aver chiuso l’anno precedente con 14,1 miliardi di euro di ricavi.

Dal punto di vista dell’analisi tecnica, il titolo Leonardo è decisamente impostato al rialzo, con un andamento che si mantiene crescente in modo costante, intervallato solo raramente da qualche seduta di fisiologico ritracciamento. L’importazione grafica, infatti, vede i prezzi stazionare da due mesi al di sopra sia dell’indicatore Supertrend che della propria media mobile a 25.

Per cogliere al meglio le opportunità offerte dal settore difesa, segnaliamo il certificato Memory Cash Collect (ISIN NLBNPIT166V0) avente come sottostante proprio Leonardo. Venerdì scorso ha chiuso invariato a 102,85. L’investimento fornisce un premo di 1,75 euro e la distanza della barriera a scadenza è del 57,06%.

Altrettanto interessante il certificato Memory Cash Collect (ISIN NLBNPIT1AJ68) con sottostante un basket di azioni composto da Bae Systems, Leonardo e Safran. Il premio è di 0,85 euro, la chiusura settimanale in calo a 99,8, con worst of di Bae Systems oltre la barriera del 37,05%.

 

AVVERTENZA
La presente pubblicazione è stata preparata da T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l. (l’Editore), con sede legale in Viale Sarca, 336 (edificio sedici), 20126, Milano, in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’Editore tuttavia, l’Editore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, le presunzioni di calcolo, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione. Per informazioni su T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l., in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.

AVVERTENZA

Il produttore delle raccomandazioni di investimento originali non è BNP Paribas, né una delle altre società del gruppo BNP Paribas. Le informazioni che ai sensi del Regolamento (UE) n. 596/2014 si richiedono al produttore sono fornite da una terza parte, sotto la propria responsabilità, in un’avvertenza separata. Per ulteriori informazioni, clicca QUI