La view del trader: Tesla, Elon Musk taglia l’organico del 10% per timore di una recessione

A cura di Alessandro Aldrovandi

13/06/2022 · Prodotto da T-Finance

Elon Musk vede una dura recessione alle porte e si prepara a ridurre del 10% il personale di Tesla. In una nota inviata ai manager della casa automobilistica, il fondatore ha confessato di avere «una sensazione super-negativa» riguardo all’attuale e futura situazione economica. Di conseguenza, Musk ha chiesto ai collaboratori di interrompere i piani di assunzione in tutto il mondo, annunciando tagli nell’organico del costruttore di auto.

Le critiche allo smart working. Tesla impiega oltre 100 mila persone nel mondo. A loro, di recente, Musk ha imposto di tornare in presenza al lavoro. «Ognuno a Tesla deve passare un minimo di 40 ore in ufficio a settimana. Inoltre, l’ufficio deve essere dove si trovano i vostri colleghi, non uno pseudo ufficio da remoto. Se non vi presenterete, daremo per scontato che vi siete licenziati», ha scritto nei giorni scorsi il vulcanico imprenditore ai dipendenti.

Le polemiche con il magnate australiano. Le scelte di Tesla sullo smart working hanno innescato una polemica su Twitter fra Musk e il magnate australiano Scott Farquhar, fondatore della software-house Atlassian. Secondo Farquhar, le direttive del costruttore al personale appartengono a un’altra epoca: «fanno molto 1950», ha scritto, offrendo a eventuali lavoratori scontenti di Tesla di passare ad Atlassian. Una provocazione che Musk non ha lasciato cadere. «I tweet precedenti (scritti da Farquhar) dimostrano perché le recessioni svolgono una funzione di pulizia economica vitale».

La quasi-bancarotta di Tesla. Non è la prima volta che Musk allude a questo concetto. Pochi giorni fa il numero uno di Tesla ha risposto così a un utente che su Twitter gli chiedeva se l’economia fosse prossima a una recessione. «Sì, ma è in realtà una buona notizia, è piovuto denaro sugli stolti troppo a lungo: c’è bisogno di un po’ di fallimenti». Non va peraltro dimenticato che, per ammissione di Musk, la stessa Tesla è stata sei-sette volte vicina alla bancarotta. Un fallimento evitato grazie all’aiuto di imprenditori amici e di cospicue sovvenzioni pubbliche nella sua fase di startup.

Per cogliere al meglio le opportunità offerte dal settore automobilistico, segnaliamo il certificato Memory Cash Collect (ISIN NLBNPIT18VM6) avente come sottostante un basket di azioni (Ferrari, Porsche e Tesla). Venerdì scorso ha chiuso in discesa a 92,40. L’investimento fornisce un premo di 1,70 euro e l’azione Tesla (worst of) si mantiene sopra la barriera di oltre il 27%. Altrettanto interessante il certificato Fast Coupon (ISIN NLBNPIT17XI2) con sottostante i titoli Bmw, Porsche e Tesla, premio 21 euro e chiusura settimanale a 87,15, con worst of di Tesla oltre la barriera del 20,96%.

 

AVVERTENZA
La presente pubblicazione è stata preparata da T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l. (l’Editore), con sede legale in Viale Sarca, 336 (edificio sedici), 20126, Milano, in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’Editore tuttavia, l’Editore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, le presunzioni di calcolo, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione. Per informazioni su T-Finance business unit di T-Mediahouse S.r.l., in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.

AVVERTENZA

Il produttore delle raccomandazioni di investimento originali non è BNP Paribas, né una delle altre società del gruppo BNP Paribas. Le informazioni che ai sensi del Regolamento (UE) n. 596/2014 si richiedono al produttore sono fornite da una terza parte, sotto la propria responsabilità, in un’avvertenza separata. Per ulteriori informazioni, clicca QUI